Gonzalo Rodriguez: “Icardi? Non è al livello di Batistuta”

Pubblicato il autore: Federico Montalto Segui

Gonzalo_Rodriguez_FiorentinaGONZALO RODRIGUEZ FIORENTINA INTER ICARDI – Dopo le prime cinque giornate di campionato, le due squadre ad aver stupito più di tutte sono state, senza dubbio, Inter e Fiorentina, rispettivamente al primo e al secondo posto in classifica. I nerazzurri si trovano in vetta alla Serie A a punteggio pieno e hanno mostrato un grande carattere e la voglia di lottare per traguardi importanti, i viola, invece, stanno reagendo bene alla rivoluzione attuata da Paulo Sousa. Domenica sera a San Siro Inter e Fiorentina si sfideranno nella partita che potrà dare indicazioni ben precise sulle reali potenzialità di entrambe le formazioni. La squadra di Mancini vuole continuare a stupire per cancellare definitivamente tutte le critiche piovute nonostante le vittorie, quelle accuse di mancanza di spettacolarità che sembrano quasi voler trovare il pelo nell’uovo, mentre i viola vogliono valutare con precisione la propria forza, scontrandosi con una delle big del campionato.

Al centro della difesa della Fiorentina ci sarà, come al solito, Gonzalo Rodriguez. Il difensore argentino ha parlato oggi della sfida contro l’Inter e soprattutto di Mauro Icardi, suo connazionale e avversario diretto domenica sera: “Viviamo l’attesa per questa sfida con grande serenità, sappiamo che serviranno sacrificio e umiltà, nessuno ci regalerà niente quest’anno. Vogliamo proseguire il nostro momento positivo e vogliamo farlo contro la squadra più in forma del campionato. Lo scudetto? Non mi piace guardare le altre squadre, a me interessa solo la Fiorentina. Credo che in questo momento la favorita per la vittoria finale sia proprio l’Inter, visto che è riuscita a vincere tutte le partite fino ad ora, comunque anche la Roma è molto forte“.

Leggi anche:  Mattia Caldara è utile alla causa atalantina? Assolutamente si (ma non per 15 milioni)

“Il nostro obiettivo stagionale? Non so – continua Gonzalo Rodriguez -, non ci siamo prefissati nessun obiettivo in particolare per questo campionato. Pensiamo partita dopo partita, adesso il nostro obiettivo è quello di vincere domenica a San Siro. A fine stagione tireremo le somme e vedremo dove saremo arrivati. Icardi? E’ un attaccante fortissimo e devo ammettere che l’Inter, in generale, ha un reparto avanzato di tutto rispetto e che può mettere in difficoltà qualsiasi squadra. Mauro è un giocatore difficile da marcare, dobbiamo stare attenti e concentrati per tutta la durata della partita. Il confronto con Batistuta? Icardi è forte, ma non ho mai visto un attaccante al livello di Batistuta: mi dispiace per Mauro, ma non può assomigliargli. Jovetic? Si completa bene con Icardi, credo che i due giocatori siano complementari”.

Si prospetta un clima rovente domenica sera a San Siro, con due squadre che saranno pronte a darsi battaglia sino all’ultimo minuto di gioco. Paulo Sousa dovrà però fare a meno di Manuel Pasqual, che ha riportato un infortunio in seguito alla partita giocata con le riserve all’indomani della gara di campionato contro il Bologna. Per il capitano della Fiorentina si tratta di una lesione muscolare al tricipite surale destro con lesione della giunzione miotendinea del gastrocnemio mediale, oltre ad un parziale interessamento tendineo. Pasqual dovrà stare fermo almeno tre settimane, prima di valutare nuovamente l’entità dell’infortunio e le tempistiche per il rientro in campo. Contro l’Inter, dunque, ancora spazio per Marcos Alonso, vera rivelazione di questo avvio di campionato della Fiorentina. In attacco ci sarà Kalinic, con Babacar che partirà dalla panchina, mentre sull’esterno giocherà Bernardeschi al posto di Rebic, titolare nella partita di mercoledì scorso contro il Bologna.

Leggi anche:  Probabili formazioni Juventus-Lazio: le scelte di Pirlo e Inzaghi

Nell’Inter, invece, dovrebbe rivedersi Jovetic dal primo minuto, mentre Ljajic dovrebbe riaccomodarsi in panchina dopo la prestazione non esaltante contro il Verona. Il serbo ha comunque fatto vedere qualche giocata interessante e non è escluso che Mancini gli conceda un po’ di spazio a gara in corso per permettergli di accumulare minutaggio. Rispetto alla partita con il Verona, dovrebbe trovare spazio Brozovic in mezzo al campo al posto di Guarin.

  •   
  •  
  •  
  •