Carpi esonera Castori: fine di una favola

Pubblicato il autore: Simone Cerroni Segui

carpi esonero castori
Carpi esonera Castori fine di una favola –
Una cavalcata trionfale in B, il raggiungimento della massima serie per la prima volta nella storia del club e gli applausi di tutto il mondo calcistico. La cenerentola della categoria cadetta improvvisamente portava in A la visione romantica del calcio moderno: Sì, la piccola Carpi e il suo tecnico Castori avevano scritto la storia. Per Castori ora rimangono solo scatoloni di ricordi. A sei giornate dall’inizio del campionato salta la prima panchina della serie A. Fatale per il tecnico del Carpi la sonora sconfitta contro la Roma per 5 a 1, ma soprattutto i due punti in classifica fin qui raccolti. Se ne va un mito per la città emiliana. Colui che era più che mai stato in grado di dare un impronta a questa squadra tanto da portare la città a definire con un gioco di parole la favola del mister  “Ca-Story”. Ricordi. Ora per il club la fiaba era diventata una “Catastrofe”.

Leggi anche:  Un Immobile infinito...

Carpi esonera Castori fine di una favola – Con pochi battiti di tastiera la dirigenza ha reso nota la decisione: “La società desidera ringraziare l’allenatore per il lavoro svolto, sempre con grande professionalità”. Allo stesso tempo annuncia l’arrivo di Giuseppe Sannino, ex allenatore di Catania e Watford. In serata Castori ha diramato una nota in cui esprime tutto il dispiacere per la fine dell’avventura biancorossa, ma anche l’orgoglio per i risultati raggiunti: “Oggi non è il giorno più difficile del mio percorso professionale, ma sicuramente è quello più triste”. Non potrebbe essere altrimenti, la serie A entrerà purtroppo a far parte solo dei suoi ricordi. I scorci di un film che passano davanti gli occhi di un uomo che 14 mesi fa arrivava a Carpi con una voglia matta di mettersi in discussione e con la convinzione, come lui stesso ha dichiarato, di essere “sbarcato in un laboratorio calcistico innovativo”. In mezzo a questi 14 mesi però c’è una data, il 28 aprile 2015, un giorno che niente e soprattutto nessuno potrà mai cancellare. Il giorno della prima promozione.

Leggi anche:  Paolo Ziliani bacchetta Antonio Conte: "E' lo stesso Conte che nella Juventus".....

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: