Inter, perdite di 90 milioni nella passata stagione. La Champions è un obbligo

Pubblicato il autore: Pierluigi Guerci Segui

cda-thohir

Inter che sta vivendo un momento eccellente a livello di risultati, con cinque vittorie in altrettante partite in attesa del big match di domenica sera contro la Fiorentina, deve far fronte a un momento a livello economico finanziario decisamente difficile: il Cda nerazzurro ha infatti approvato che il bilancio della stagione 2014-2015 comporta un rosso di 90 milioni di euro che si va ad aggiungere alla vecchia situazione debitoria.  Nella giornata di ieri il Consiglio di amministrazione dell’Inter composto dal presidente Erick Thohir e gli altri componenti del consiglio, Soetedjo, Ferguson, Volpi, insieme a Manzonetto, Casati e Braggiotti (rappresentanti dell’area Moratti). ha approvato un rendimento da profondo rosso che grava sugli altri debiti societari, un passivo che dovrà assolutamente essere risanato con delle cessioni eccellenti e obbligatoriamente con dei risultati sportivi di livello che la squadra dovrà essere brava ad ottenere.

Nella prossima assemblea degli azionisti, pianificata per fine ottobre, il bilancio verrà ratificato. Che l’Inter si apprestasse a chiudere il bilancio della passata stagione in negativo era nell’aria, erano già alcune settimane che questa voce girava. Il Consiglio di amministrazione ne ha dato l’ufficialità. La situazione dell’Inter adesso si aggrava. Oltre ai 90 milioni di euro di passivo appena registrati che si sommano ai precedenti, ancora non saldati, debiti, ha ricevuto anche una sanzione dalla Uefa di 20 milioni di euro proprio per aver sforato i limiti imposti dal Financial Fair Play e che dovranno essere pagati appena la società nerazzurra entrerà nuovamente in Europa.

Leggi anche:  Gollini, il portiere assicura su Instagram: "È stata solo una grande botta. A lavoro per ritornare più forte"

A questo punto, questa nuova stagione 2015-2016 diventa ancora più ricca di importantanza. Non basta puntare in alto soltanto perchè il nome, la storia e la tradizione dell’Inter lo impongono ma occorre arrivare in alto anche per motivi economici. Se il primato nonostante i cinque successi consecutivi, per molti rimane un sogno, la qualificazione in Champions deve essere la priorità e deve essere raggiunta per avere ulteriori importanti entrate economiche e non rischiare ulteriori sanzioni e di chiudere un altro bilancio negativo, a quel punto potrebbero essere gravi le conseguenze per il popolo nerazzurro.

Nel Consiglio di amministrazione dell’Inter oltre il bilancio in negativo è stata confermata l’esclusione di Fassone che abbandona così il Cda nerazzurro e che le funzioni che erano di quest’ultimo verranno assolte da Michael Bolingbroke.    

Leggi anche:  Lukaku il gigante Internazionale

THOHIR CAMBIA PROGRAMMA- Il presidente nerazzurro ha apportato un cambio di programma alla propria agenda. Questa mattina Erik Thohir avrebbe dovuto salutare Milano, invece si fermerà per assistere al match tra Inter e Fiorentina, prima contro seconda in campionato. Ieri il presidente nerazzurro si è recato ad Appiano Gentile per incontrare Roberto Mancini e per assistere all’allenamento dei suoi giocatori. Con Erik Thohir al campo di allenamento erano presenti Michael Bolingbroke, Soetedjo, uno dei soci, e Isenta, membro del Consiglio di amministrazione di Inter Media e Communication. Dopo circa due ore, Thohir ha lasciato il campo di allenamento della Pinetina e nel frattempo ha deciso di disdire tutti i suoi appuntamenti per godersi a pieno la sua Inter prima in classifica.

La squadra di Roberto Mancini cercherà di restare concentrata su quanto di buono sta facendo in campionato e di non pensare alla ultime vicende societarie e al bilancio che dovrà essere assolutamente risanato. Domenica sera al Meazza andrà in scena uno scontro al vertigine contro la Fiorentina  in cui finalmente i nerazzurri torneranno a respirare l’aria d”alta classifica; sarà una sorta di prova del nove, una sfida che precede un’altra partita importantissima, ossia, la trasferta di Genova con la Sampdoria prima della sosta. Al rientro, il 18 ottobre il big match tanto atteso, Inter-Juventus. Solamente a quel punto capiremo dove potrà arrivare questa nuova Inter firmata Roberto Mancini ed Erik Thohir.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: