Le statistiche di Roma-Carpi: Borriello spina nel fianco, Pjanic motorino

Pubblicato il autore: Massimo Scialla Segui

statistiche di Roma-Carpi

Travolto il Carpi di Castori da un eloquente 5-1 all’Olimpico. La Roma di Garcia risponde così alle critiche mosse dall’ambiente dopo le delusioni in casa con il Sassuolo ed a Genova con la Samp. Torna di moda il discorso “cooperativa del gol”, con i giallorossi che vanno a segno con cinque uomini diversi nella partita di ieri, mentre dall’inizio del campionato sono ben dieci i calciatori alla corte del tecnico francese ad essere andati in rete. Ma, come di consueto, analizziamo la vittoria della Roma attraverso la lente dei numeri, che spesso raccontano interessanti realtà che ad occhio nudo passano inosservate.

Oltre ai dati sul possesso, nettamente in favore della Roma (69% per i giallorossi,il 55% del quale nella metà campo avversaria), le statistiche di Roma-Carpi disegnano una partita per niente squilibrata dal punto di vista, ad esempio, dei corner: 6 per parte nel corso dei 90 minuti. La forbice si fa già più netta per quanto riguarda le conclusioni indirizzate nello specchio: 12 per la squadra di casa, 7 per gli ospiti. Ancor più grande il divario inerente alle occasioni da gol: sono ben 14 per i giallorossi, solo sei per gli emiliani.
Roma-Carpi si è rivelata una partita in cui il fraseggio della squadra di casa si è rivelato un’importante chiave tattica: la Roma ha messo insieme ben 30 azioni manovrate, quasi il doppio di quelle costruite dal Carpi.
Curiosa la quantità di errori commessi in impostazione: sia la squadra di casa che quella ospite hanno perso la bellezza di 17 palle (moltissime nell’arco di una partita), recuperandone 19 ciascuna.

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Le statistiche di Roma-Carpi inerenti ai singoli giocatori parlano di un Borriello primo quanto ad occasioni da rete: ben 3 sono capitate sui suoi piedi; seguono con 2 occasioni a testa Dzeko, Gervinho, Matos e Salah.
A parimerito in testa alla classifica dei palloni recuperati svettano Nainggolan per la Roma e Zaccardo per il Carpi, con quattro recuperi a testa; appena dietro con 3 palle recuperate Fedele, Manolas, ed inaspettatamente Gervinho, impegnato ieri anche ad inseguire i suoi diretti avversari in fascia. L’ivoriano è però meno meritevolmente in testa anche nella classifica dei palloni persi, 5 per lui, seguito proprio dal compagno di squadra Nainggolan, con 4 palle perse. Il belga guiderà anche la classifica dei falli commessi: sono ben 4 le irregolarità di gioco commesse dal rubapalloni giallorosso.

Chiudiamo le statistiche di Roma-Carpi con i dati relativi ai top-runner delle due squadre: il migliore di tutti sotto questo profilo, come da qualche partita (a conferma del suo splendido stato di forma), è l’insospettabile Miralem Pjanic, con ben 11.479 km percorsi; alle spalle del bosniaco si piazza Bianco, che nella serata di ieri ha corso per 11.277 km. Interessante un dato inerente alla qualità della corsa: il giocatore che ha percorso la distanza maggiore in sprint è stato Lucas Digne, più di un km di scatti complessivi per l’esterno basso francese, che si è infatti proposto spesso come alternativa di passaggio nello spazio.

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

*Le statistiche di Roma-Carpi sono state riprese dal sito ufficiale della Lega di Serie A.

  •   
  •  
  •  
  •