Milan, Bonaventura: “Ci riprenderemo, Mihajlovic l’allenatore giusto”

Pubblicato il autore: Federico Montalto Segui

Bonaventura-MilanBONAVENTURA MILAN – Un avvio di campionato con luci e ombre per il Milan di Sinisa Mihajlovic: i rossoneri hanno alternato buone prestazioni a partite da dimenticare , creando qualche mugugno tra i tifosi. Se da un lato il Milan ha dimostrato di possedere un reparto offensivo di tutto rispetto, a destare qualche dubbio è la tenuta della difesa, con Zapata e Romagnoli che non hanno ancora trovato la giusta armonia. Tra le note positive di questo Milan vi è sicuramente Giacomo Bonaventura, per distacco il migliore tra i rossoneri in queste prime giornate di campionato. L’ex centrocampista dell’Atalanta sta trascinando la squadra con gol e assist, dando un contributo fondamentale alla formazione di Mihajlovic. Intervenuto ai microfoni di Milan Channel, Bonaventura ha commentato cosi queste prime partite: “E’ un campionato ancora aperto, ci sono ancora tante gare da giocare e abbiamo un allenatore e un organico per arrivare fino in fondo e lottare per traguardi importanti. Tutte le squadre hanno fatto vedere belle cose ma hanno anche sbagliato tanto, noi dobbiamo andare avanti per la nostra strada, crederci sempre e cercare di risolvere i problemi che sono sorti durante gli ultimi impegni. Il mio rendimento? Dal punto di vista dei gol e degli assist sono contento, sto dando un contributo importante alla squadra. Il campionato è ancora lungo e posso fare ancora molto. In ogni caso non è importante il numero dei gol, voglio solo dare il massimo per aiutare i miei compagni e cerco di farlo tutti i giorni. Comunque sono contento del mio avvio di stagione, spero di continuare così”.

Leggi anche:  Europa League, probabili formazioni della quinta giornata

Il mio ruolo? L’anno scorso ho cambiato spesso – spiega Bonaventura -, mi sono sempre sentito importante per la squadra. E’ una bella cosa, perché significa che il mister ha fiducia in te e ti sceglie nel momento in cui deve sostituire qualcuno in caso di defezioni.  A centrocampo ci si muove parecchio e si ruota, quando si scende in campo è importante sapere perfettamente i proprio compiti e riuscire a svolgerli al meglio. Mihajlovic ci impartisce uno spartito da eseguire, quindi non è molto importante il ruolo ma aiutare sempre la squadra”.

Il prossimo impegno in campionato sarà contro il Napoli, una squadra che sta dimostrando di poter lottare per il titolo nonostante alcune difficoltà iniziali dovute al cambio di allenatore e di metodologia di lavoro: “Da oggi cominceremo a preparare la partita con il Napoli – prosegue Bonaventura -, faremo di tutto per vincere la partita e per far felici i tifosi. L’anno scorso li abbiamo affrontati in un periodo in cui eravamo molto tonici, fu difficile per loro venire qui a fare la partita. Speriamo di ripeterci anche quest’anno, ci teniamo molto a fare bella figura davanti ai nostri tifosi, glielo dobbiamo dopo il deludente risultato di Genova”.

Leggi anche:  Esonero Maran, giorni di riflessione per Preziosi: si pensa al ritorno di Nicola ed al vecchio pallino Semplici

Infine Bonaventura si sofferma anche sulla Nazionale italiana: “Quest’anno ci sono gli Europei, una competizione importantissima. Sono molto motivato e voglio fare bene in campionato per meritarmi la convocazione in Nazionale: sarebbe straordinario avere la possibilità di partecipare, sarebbe un’emozione unica. Abbiamo la fortuna di avere un tecnico come Antonio Conte, uno dei più bravi in Europa. Tutta la rosa ha voglia di riscatto e credo che Conte possa essere la persona giusta per portare la Nazionale alla vittoria. Dobbiamo riportare in alto la reputazione del calcio italiano, sono sicuro che la Nazionale farà bene agli Europei”.

In chiusura anche gli auguri per Silvio Berlusconi, da 30 anni alla presidenza del Milan: “Ha dato tantissimo al calcio italiano e ai rossoneri, rendendo questa società la più titolata al mondo. Gli auguro di vincere ancora tantissimi trofei e di togliersi delle soddisfazioni . Ha fatto la storia del calcio italiano e continuerà a farla”.

  •   
  •  
  •  
  •