Roberto Mancini all’Inter, mai così bene come quest’anno

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Mancini all’Inter, mai così bene come quest’anno

Non era mai capitato prima d’ora che il l’Inter partisse così bene con Roberto Mancini sulla panchina.

Dodici punti nelle prime quattro partite di campionato non erano mai capitati all’Inter guidato da Roberto Mancini, che è tornato in nerazzurro per la quinta volta dopo una pausa di sei anni. L’Inter targato Mancini quest’anno è partito con il turbo ed è al primo posto in classifica a punteggio pieno, con cinque reti segnate e una sola subita. Nella prima partita di campionato di serie A 2015-2016 ha sconfitto l’Atalanta in casa per 1-0, la settimana successiva a Carpi ha vinto 1-2, il 13 settembre si è portato via il derby di Milano e domenica scorsa ha vinto 0-1 a casa del Chievo Verona. Domani alle 20:45 per la quinta giornata del campionato l’Inter ospiterà l’Hellas Verona ed i pronostici sono tutti a favore dei nerazzurri, che stanno attraversando un momento di forma eccezionale. È merito di Mancini sulla panchina? Certamente, ma non solo, la cosa sicura è che prima di adesso Roberto Mancini nerazzurro era riuscito a totalizzare al massimo 10 punti dopo quattro giornate.

Leggi anche:  Atalanta-Verona probabili formazioni: Ilicic confermato in attacco?

I numeri di Roberto Mancini allenatore nerazzurro

Prima di quella attuale, la stagione in cui Mancini ha fatto meglio è stata la 2006-2007, quando l’Inter ha totalizzato 10 punti ed alla quinta giornata di campionato era al primo posto in classifica. La prima volta che Roberto Mancini si è seduto sulla panchina nerazzurra è stato nella stagione 2004-2005 e i nerazzurri dopo quattro partite avevano messo insieme sei punti facendo otto gol e subendone sette. Al primo posto c’era la Juventus con 10 punti e alla fine del campionato ha vinto la Juve a quota 86 e l’Inter è arrivato al terzo posto a quota 72. La stagione successiva l’Inter ha fatto meglio, realizzando nove punti e finendo al secondo posto dopo la capolista Palermo a 10. Le reti segnate dopo quattro giornate sono state nove e quelle subite solamente tre. A fine campionato i nerazzurri sono arrivati al secondo posto in classifica con 76 punti mentre la Juve ha vinto lo scudetto realizzandone 91. La stagione 2006-2007 è stata la migliore dopo quella di quest’anno per l’Inter: primo posto con 10 punti, nove i gol fatti e sei quelli subiti. L’Inter ha vinto il campionato a 97 punti e la Roma è arrivata seconda a 75. L’anno seguente è stato l’ultimo di Roberto Mancini all’Inter prima di passare al Manchester City e poi al Galatasaray, e rientrare sulla panchina nerazzurra quest’anno dopo sei anni e mezzo di assenza. Nel 2007-2008, dopo quattro giornate di campionato, la Roma era al primo posto con 10 punti e l’Inter a quota otto; i gol fatti sette e quelli subiti tre, il campionato è stato vinto dall’Inter con 85 punti e al secondo posto è arrivata la Roma con 82. Nell’assegnazione dello scudetto bisogna tenere in considerazione anche le vicende legate a calciopoli.

Leggi anche:  Un Immobile infinito...

L’Inter di Mancini adesso

Quest’anno i nerazzurri sono al primo posto con 12 punti, cinque gol fatti e uno subito e Roberto Mancini in una recente intervista ha affermato che prima di parlare di scudetto bisogna aspettare ancora, la squadra è migliorata molto soprattutto in difesa e i nuovi arrivati stanno facendo molto bene. L’unica pecca dell’avvio fulminante dell’Inter sono i gol fatti, che sono stati di meno rispetto agli anni precedenti. Il miglior rapporto gol fatti subiti si è avuto nel 2005-2006 con nove centri e tre ko. Quest’anno le reti segnate sono ancora poche, ma quelle subite solamente una e quindi la medaglia della porta meno bucata del campionato spetta a quella di Handanovic, che si è fatto sorprendere solamente da Di Gaudio del Carpi alla seconda giornata di campionato. L’Inter ha la miglior difesa del campionato 2015/16 e tutti i numeri per vincerlo, ma, come dice il Mancio, ci sono ancora 34 giornate da giocare e ne riparleremo più avanti.

  •   
  •  
  •  
  •