Il momento magico di Alvaro Morata

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Il momento magico di Alvaro Morata

Alvaro Morata è il simbolo della rinascita della Juventus

Nell’ultima partita di campionato Alvaro Morata si è confermato il simbolo della rinascita della Juventus, già iniziata in Europa. In quattro giorni ha segnato due reti fondamentali, una per la vittoria sul Siviglia e l’altra per il primo successo allo Juventus Stadium domenica scorsa contro il Bologna. Adesso la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League è quasi cosa fatta e la Juve è pronta a rimontare la classifica per approdare alle zone alte. Alvaro Morata contro il Bologna ha fatto un gol, si è procurato un rigore e ha fornito un assist millimetrico per Khedira; insieme agli altri elementi dell’attacco si è rivelata una pedina fondamentale per la squadra di Massimiliano Allegri. Già in Coppa aveva promesso che sarebbe ritornato segnare in Italia, dove è più difficile rispetto all’Europa, e dopo quasi cinque mesi Alvaro Morata ha ritrovato il gol nel campionato di serie A: non ci riusciva da metà maggio contro l’Inter.

Leggi anche:  Dove vedere Inter Torino: streaming e diretta TV Serie A

Alvaro Morata e gli altri per sopperire a Tevez

Da quando gioca nella Juventus, Alvaro Morata ha segnato 18 gol ma non è soddisfatto e sostiene che non deve ancora fare di più e rimediare alla partenza di Carlos Tevez. Per questo comunque si sta dando da fare tutto il reparto offensivo: Dybala ha segnato quattro gol, Alvaro Morata 3, Zaza e Mandzukic 2. Massimiliano Allegri sostiene che Alvaro Morata sia migliorato moltissimo da quando è arrivato alla Juventus e adesso è sulla strada buona per trovare i giusti equilibri ed integrarsi al meglio nella squadra. Con il Bologna avrebbe potuto fare almeno un altro gol quando ha sbagliato a porta vuota all’inizio della ripresa. Alvaro Morata sta crescendo e se continua così diventerà imprendibile in area di rigore. L’affiatamento con Paulo Dybala si è rivelato determinante nella partita contro il Bologna ed anche fuori dal campo i due attaccanti vanno molto d’accordo.

  •   
  •  
  •  
  •