Infortunio De Rossi: solo affaticamento per il centrocampista della Roma

Pubblicato il autore: Massimo Scialla Segui

Infortunio De Rossi
INFORTUNIO DE ROSSI: L’EPISODIO – Ha ricordato, per certi versi, l’episodio dell’infortunio rimediato ormai un mese fa da Francesco Totti, in occasione della partita vinta per 5-1 all’Olimpico contro il Carpi: stessa fascia da capitano, stesso sforzo per lasciare la propria impronta un’azione che avrebbe dato il la al gol della Roma. Il 26 settembre era stato Mohamed Salah a non vanificare gli sforzi di Totti, ieri ci ha pensato Gervinho, dopo una cavalcata di oltre 60 metri con la palla al piede, a premiare il sacrificio di De Rossi. Diversa, per fortuna l’entità dell’infortunio: se per Totti si è ancora incerti sulle possibilità di un recupero per il derby in programma l’8 novembre, dopo gli accertamenti effettuati dal centrocampista nella giornata di oggi, lo staff medico della Roma sarebbe cautamente ottimista su un possibile impiego di De Rossi già contro l’Inter, sabato sera, al Meazza.

Leggi anche:  Ziliani su Conte: "Vuole che l’Inter sia come la Juve di Moggi. Impossibile schierarsi..."

INFORTUNIO DE ROSSI: DIFFIDA – La diagnosi sarebbe quella di un affaticamento, lo stesso che aveva lasciato in forse per la partita di Firenze il centrocampista d’Ostia fino a 24 ore prima del match. Per la partita di mercoledì, quella contro l’Udinese, Daniele De Rossi sarà comunque inutilizzabile, causa il giallo rimediato nei 37 minuti del Franchi, appena un paio di giri d’orologio prima di lasciare il campo per il risentimento muscolare. Poco male, forse. In fondo a conti fatti De Rossi sconterà la diffida contro la meno temibile delle prossime avversarie della Roma, l’Udinese, a fronte della possibilità di dover guardare dalla tribuna una delle gare contro Inter e Lazio. La soluzione, dunque, sembra quella meno dolorosa per Rudi Garcia e per i tifosi della Roma.

INFORTUNIO DE ROSSI: INIZIO STAGIONE – L’affaticamento è, forse, frutto anche di un impiego praticamente costante del centrocampista da parte di Rudi Garcia in questa prima parte di stagione. Con lo scorcio di partita giocato ieri, De Rossi ha superato i 1000 minuti di presenza tra campionato – in cui era stato tenuto in panchina solo per trenta minuti, contro l’Hellas – e Champions League – in cui ha giocato 270 minuti, il massimo. Più presente di lui solo Manolas, che non ha saltato nemmeno un minuto di gioco finora, sintomo della sua imprescindibilità.
Il riposo e la fisioterapia dei prossimi due giorni, a Trigoria, non potranno che fargli bene.

Leggi anche:  Juventus, mercato ancora aperto: Tolisso il vero affare di gennaio

INFORTUNIO DE ROSSI: RENDIMENTO – Non è un caso che De Rossi sia stato schierato così di frequente. Oltre alla duttilità tattica, che ha permesso al tecnico di schierarlo in qualche occasione al fianco di Manolas, come centrale difensivo, il numero 16 giallorosso si è segnalato per un rendimento particolarmente alto in questo inizio di stagione, che negli ultimi tempi è riuscito a raffinare ulteriormente: il raggiungimento dello storico traguardo di 500 presenze con la maglia della Roma pare averlo rigenerato e dalla gara contro l’Empoli, quella in cui ha infranto il record, De Rossi ha messo a segno la bellezza di tre reti, una contro i toscani e due contro il Bayer Leverkusen, in Champions.

Sembra pacifico che in questo momento la Roma, per poter rendere al meglio, abbia bisogno della presenza sul rettangolo di gioco di quello che ha rappresentato uno schermo quasi impenetrabile davanti alla difesa giallorossa, e che sembra aver preso finalmente per mano una squadra che si affida alla sua cifra tecnico-tattica, ma anche al suo carisma.

  •   
  •  
  •  
  •