Inter, Felipe Melo riceve un cartellino ogni 121 minuti

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

Felipe Melo
Che Felipe Melo non fosse proprio un giocatore tranquillo in campo si era capito. A confermare questa teoria ci pensano le statistiche, i numeri, i dati. D’altronde lo stesso brasiliano, il giorno del suo sbarco a Milano, aveva avvisato tutti: “Sono un giocatore cattivo, e la mia caratteristica è la mia forza“. L’arrivo di Felipe Melo ha portato al centrocampo nerazzurro solidità, dinamicità, fisicità ma anche tanta irruenza. Ieri contro il Bologna ha ricevuto il suo primo cartellino rosso stagionale, dopo aver collezionato già 4 ammonizioni. Dati alla mano, il centrocampista finisce sul taccuino dei “cattivi” una volta ogni 121 minuti: per lui si tratta della peggiore media in carriera.
Ieri Mancini lo ha mandato in campo anche se diffidato, con il rischio quindi di essere squalificato e non disponibile per la sfida contro la Roma. Melo però non si è limitato a ricevere un solo cartellino giallo, ma ben due: quanto basta per finire in anticipo sotto la doccia. In Italia, in tre stagioni divise tra Fiorentina e Juventus con 87 presenze in totale, ha ricevuto 26 ammonizioni e 6 espulsioni, ossia un cartellino ogni 227 minuti che gli sono costati 17 giornate di squalifica totali.
Con il Galatasaray, tra il 2011 e il 2015, ha ricevuto 13 gialli il primo anno (uno ogni 235′), 9 il secondo uniti a 2 espulsioni (un cartellino ogni 248′), 14 ammonizioni e 3 rossi nel terzo (un cartellino ogni 225′), 17 gialli e 1 rosso nel quarto (un cartellino ogni 159′). Quest’anno la sua media, negativa, è migliorata ancora, arrivando a collezionare un cartellino ogni 121 minuti dopo 7 partite.

Leggi anche:  Romero, un crac azzeccato in casa Atalanta. Difesa rivitalizzata
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: