Inter, Icardi: “Non mi interessano le opinioni degli ignoranti”

Pubblicato il autore: Federico Montalto Segui

IM_Icardi-770x470Mauro Icardi, attaccante dell’Inter, ha parlato oggi ai microfoni di El Grafico. Una chiacchierata che ha coinvolto diversi temi, dalla stagione dei nerazzurri alla Nazionale, da Roberto Mancini alla vita privata.

Il destino non è questione di fortuna, ma di scelte – ha affermato Icardi -, quando prendo una decisione penso solo a quello che è più importante per me. Non mi importa del pensiero degli altri, dei nemici che si possono presentare, della fama o dei soldi, penso solo alla mia felicità. L’unica cosa che mi importa è essere capace di lottare, sono un guerriero. La vita è fatta di scelte e la mia è frutto di responsabilità che mi sono preso: mi possono criticare oppure ammirare per le mie decisioni“.

Leggi anche:  Inter, Eriksen a un passo dall'addio? Una big italiana è pronta ad accoglierlo a un prezzo 'scontato'...

In questa stagione Icardi è diventato capitano dell’Inter, dopo che Ranocchia ha perso il posto da titolare: “Non voglio mostrarmi diverso da quello che sono, sarebbe una falsità. Continuo ad essere me stesso, perchè è così che sono riuscito a diventare capitano dell’Inter. Erede di Zanetti? So che mi vuole molto bene, come io ne voglio a lui, ma non parliamo mai di questa cosa. So che sarà sempre a mia disposizione, se avrò bisogno di qualche consiglio, potrò chiedere a lui. Si parla tanto di me, ma chi lo fa non sa nulla di me. Chi ha lavorato o lavora con me ha un’immagine totalmente diversa rispetto a quelle che viene dipinta sui giornali. Chi mi conosce davvero sa quali siano i miei valori. Le mie priorità sono diverse dai commenti degli ignoranti che non mi conoscono, ognuno ha la sua idea da spettatore, ma solo io e la mia famiglia sappiamo la verità “.

Leggi anche:  Eriksen-Inter: ecco quanto hanno sborsato i nerazzurri per acquistarlo

Mancini? Abbiamo un bel rapporto – continua Icardi -, da quando è arrivato all’Inter, ho anche cambiato il mio modo di giocare. Sono un nove d’area di rigore, ma adesso aiuto più la squadra in fase di costruzione. E quando Martino vorrà chiamarmi in Nazionale, sarò pronto“.

  •   
  •  
  •  
  •