Jorginho, dalla panchina al sogno Italia

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

jorginho
Jorge Luiz Frello, comunemente chiamato Jorginho, si è preso quest’anno le redini del centrocampo del Napoli affidatogli da Maurizio Sarri come mai aveva fatto da quando ha messo piede alle pendici del Vesuvio. In estate era opinione comune che il ruolo di regista nel 4-3-1-2 (poi diventato 4-3-3) del tecnico toscano sarebbe spettato a Mirko Valdifiori, esploso all’Empoli proprio sotto la guida di Sarri. Complice un suo avvio stentato e le ottime prestazioni del centrocampista italo-brasiliano, Jorginho è diventato ora un titolare fisso e sta accumulando prestazioni sempre più positive. Ora tutte le azioni passano dai suoi piedi, corre e pressa aiutato dal supporto di due mezzali e non di un solo compagno, come avveniva nel 4-2-3-1 di memoria “beniteziana”.
Il suo obiettivo è continuare a sfornare prestazioni di livello per sognare l’Europeo con la maglia dell’Italia: dal canto suo Conte ha fatto intendere di tenerlo in seria considerazione (“Stiamo seguendo Jorginho, mi auguro che non si crei uno scandalo se dovessi convocarlo“), ed i fischi del San Paolo verso i suoi confronti si sono trasformati in questa stagione in scroscianti applausi.
Aveva già dimostrato le sue qualità a Verona, anche lì nel 4-3-3 di Mandorlini, ma Jorginho aveva deluso le aspettative quando il Napoli decise di acquistarlo nel gennaio 2014, complice il cambio di modulo. Ora però le cose sembrano essere tornate al loro posto, ed il 24enne è tornato ad essere quel giocatore in grado di dare qualità e quantità al centrocampo.

Leggi anche:  Probabili formazioni Fiorentina Crotone: ecco le scelte di Prandelli e Stroppa
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,