Sacchi: “Sarri è un maestro. Mai visto Higuain a questi livelli”

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

Sacchi
Arrigo Sacchi non perde occasione per elogiare Maurizio Sarri, l’attuale tecnico del Napoli con il quale presenta molte analogie. Entrambi infatti hanno raggiunto la Serie A dopo anni di gavetta, ed entrambi hanno dovuto sopportare la pressione di un inizio complicato per poi spiccare il volo e macinare vittorie su vittorie. Il Milan di Sacchi riuscì a conquistare lo scudetto, il Napoli di Sarri ci proverà fino alla fine. Ecco le parole di Sacchi:
Il presidente del Napoli De Laurentiis ha avuto un’idea coraggiosa che si sta dimostrando vincente: l’assunzione del maestro Sarri. Maurizio, non più giovanissimo, ha allenato per molto tempo tra dilettanti e semiprofessionisti e solo ultimamente in B e per un anno in A. Per questo è stato accolto con freddezza da tifo e critica. Il sud, considerato erroneamente più conservatore del nord, questa volta si è dimostrato più attento e competente.
L’Empoli di Sarri incantava per conoscenza, armonia e organizzazione, e il suo tecnico per versatilità e capacità tattiche. Se Maurizio aveva fatto tanto ad Empoli, dove poteva arrivare a Napoli con calciatori di maggiore qualità? Era essenziale però l’appoggio del club per farlo esprimere al massimo

Leggi anche:  Probabili formazioni Milan-Atalanta: ecco le scelte di Pioli e Gasperini

C’è spazio anche per parlare di Gonzalo Higuain, autentico protagonista di questo inizio di stagione: “Il singolo può far vincere una partita, ma solo la squadra può far vincere un campionato. Di tutto ciò anche Higuain ne sta beneficiando: mai si era espresso a questi livelli, così come Messi è migliore nel Barça che nell’Argentina. Quando il gioco è il leader, tutti ne traggono vantaggi e così è stato anche per i vari Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Jorginho, Hamsik, Insigne, Allan. Solo una vera squadra nello spirito del gioco permette una connessione che si trasforma in sinergia, che moltiplica le qualità di tutti. Credo che sia limitativo pensare che il singolo possa fare sistema. Complimenti alla società, all’allenatore Sarri e ai giocatori che hanno compreso quanto sia importante fare squadra in uno sport di squadra e avere un gioco che li guidi. Bravi e continuate così“.

  •   
  •  
  •  
  •