Straordinari Roma: i giocatori più impiegati non tireranno il fiato

Pubblicato il autore: Massimo Scialla Segui

giocatori più impiegati

Siamo solo alla vigilia della settima giornata di campionato, non è trascorso nemmeno un sesto della stagione, ma la Roma di Rudi Garcia deve già fare i conti con lo straordinario: i calciatori non hanno certo bisogno di ritardare il timbro del cartellino per arrotondare la cifra scritta in busta paga, ma le assenze di alcuni calciatori in zone nevralgiche del campo porterà domani il tecnico giallorosso a forzare un po’la mano con alcuni dei suoi, che forse avrebbero bisogno di un po’di riposo.

MANOLAS – Di sicuro non riposerà Kostas Manolas, nemmeno dopo la gara di domani a Palermo. Il difensore centrale è stato infatti convocato, insieme al compagno di reparto Vasilis Torosidis, dal cittì della nazionale greca, Sergio Markarian, in vista della doppia sfida contro Irlanda del Nord ed Ungheria.
Il leader del reparto difensivo giallorosso è in assoluto il calciatore più schierato da Rudi Garcia, che non gli ha risparmiato neanche un minuto di gioco dall’inizio della stagione: sei partite di campionato e due di Champions League, per un totale di 720 minuti giocati. Il rientro tra i possibili titolari di Castan avrebbe potuto lasciar ipotizzare che Manolas riposasse per una giornata, ma la mancata convocazione di Rudiger per infortunio e l’improbabile impiego di Gyomber, rendono il suo impiego necessario anche contro il Palermo.

Leggi anche:  Un Ibrahimovic famelico...

DE ROSSI – Tra i giocatori più impiegati rientra senza dubbio anche Daniele De Rossi: spesso capitano per le panchine di Francesco Totti, il centrocampista di Ostia non si è limitato a svolgere (e bene) il suo ruolo in mediana, ma ha più di una volta ricoperto con grande sicurezza il ruolo di centrale difensivo. Per De Rossi, che domani verrà con ogni probabilità schierato dal primo minuto davanti alla difesa, ben 695 minuti giocati finora, con la prospettiva di scendere in campo da titolare almeno in una delle due partite della nazionale italiana del 10 e del 13 ottobre, rispettivamente contro Azerbaigian e Norvegia.

NAINGGOLAN E PJANIC – Presentissimo anche Radja Nainggolan: 660 minuti giocati per il centrocampista belga, nonostante il periodo di forma non esaltante; a causa di un infortunio, invece, Miralem Pjanic si è dovuto “accontentare” della bellezza di 540 minuti in campo. Entrambi potrebbero scendere in campo nella partita di domani, causa l’infortunio di Keita, ma almeno ad uno dei due Garcia sta pensando di concedere un turno di riposo: entrambi saranno infatti impegnati con le rispettive nazionali la prossima settimana, ed il bosniaco ha persino svolto allenamento differenziato fino a ieri. William Vainqueur potrebbe tentare l’allenatore a dargli un’altra chance da titolare.

Leggi anche:  Roma, Fonseca: "La squadra gioca bene e vince".

SALAH E DIGNE – Anche Mohamed Salah tra i giocatori più impiegati: 606 minuti in stagione per lui, con la concreta prospettiva di scendere in campo anche domani: le assenze di Totti e Dzeko, unite alle condizioni cliniche non esaltanti di Iago Falque, potrebbero indurre il tecnico ad affidarsi ancora una volta al capocannoniere della Roma finora.
Stessi minuti di Pjanic per Lucas Digne: il francese non è potuto scendere in campo nella prima di campionato contro l’Hellas – non era ancora arrivato a Trigoria dal PSG – ed è stato risparmiato in virtù del turn over in occasione della gara casalinga pareggiata contro il Sassuolo, ormai due settimane – quattro partite – fa.

Sembrano in parecchi a dover forzare un po’, dunque, e molti di questi giocatori scenderanno in campo domani. Il turn over, stavolta, dovrà attendere.

Leggi anche:  Auriemma attacca Ibra a Tiki Taka: "Andava espulso. L'infortunio? Giustizia Divina"

 

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: