A Napoli s’aspetta l’Inter, Sarri il Bruges

Pubblicato il autore: Francesco Moscato

sarri
Il Napoli, sbanca Verona, con concretezza, volontà, e voglia di vincere. I limiti tecnici delle due formazioni, sono evidenti, ma ciò che appare agli occhi, è la mentalità che Sarri, ha trasmesso, a calciatori, come Hamsik, Higuain, Jorginho, e ci mettiamo anche Albiol, che l’anno scorso, sembravano in campo, per forza, non dimostravano quella volontà di vincere che si nota in questo nuovo Napoli. La difesa, la ricordiamo l’anno scorso? Perforata da tutte le parti. Quest’anno, è la meno perforata d’Italia. Come mai? Ieri, Chiriches, il rumeno che ha sostituito Koulibaly, sembrava giocasse da un decennio, sembrava il leader. Una tranquillità e semplicità fuori dal normale. E ricordiamo, come i soliti pessimisti, come l’accolsero. Ieri, dopo la vittoria, Sarri, non ha voluto, nominare alla parola Scudetto. Ha detto, che c’è prima il Bruges. La squadra belga, che a Napoli, ne beccò cinque. Il Napoli tiene all’Europa League, come ha sostenuto il tecnico, vuol far bella figura ed essere tra le protagoniste della competizione. Ma avendo già passato il turno, il tecnico azzurro, può permettersi, un largo turn over per preparare al meglio, lo scontro diretto contro l’Inter di Mancini. Gara che può valere il sorpasso. Stadio, esaurito già da una decina di giorni, si supererà il record di presenze stagionali, e d’incasso. I tifosi aspettano. Sarri, invece è calmo. E prepara la squadra, per la trasferta belga.

Leggi anche:  Calciomercato Torino: individuato il trequartista, ecco il prezzo
  •   
  •  
  •  
  •