Ecco perchè per Grujic è sfida tra Mancio e Mou

Pubblicato il autore: Alessandro Cipolla Segui

marko_grujic

E’ sicuramente quello di Marko Grujic uno dei nomi più caldi per il mercato di gennaio. Il giovane centrocampisto serbo, uno dei pilastri della Stella Rossa che stra stravincendo il proprio campionato, è stato di recente accostato all’Inter, che lo sta monitorando da tempo, ma su di lui è piombato forte anche il Chelsea che ha fatto un’offerta ufficiale di quasi 3 milioni di Sterline, rispedita al mittente per il momento. Quella che si va profilando sarà quindi un’asta per Grujic, con anche la Roma interessata spettatrice. Ma perchè il gioiellino della Stella Rossa piace tanto a Mancini e Mourinho ?

Il saggio Osvaldo Bagnoli ripete sempre che per lui gli attaccanti devono essere due, uno alto e uno basso, come nella sua coppia d’attacco al Genoa Skuhravy-Aguilera. Il Mancio e Mou invece hanno un altro credo : per vincere servono centrocampisti forti fisicamente. Basta vedere chi ha voluto il tecnico nerazzurro in estate, Kondogbia e Felipe Melo, scrificando il talentuoso Kovacic. Stesso discorso per Mourinho che al Chelsea si affida a veri e propri colossi per la sua linea mediana. E non a caso Grujic viene definito il “nuovo Matic“. Nonostante non abbia ancora compiuto venti anni il serbo ha una struttura fisica notevole : 191 cm per 82 kg. Il tutto abinato ad una ottima tecnica di base e a una spiccata personalità. Ecco perchè Grujic, che in estate si è laureato campione ai Mondiali Under 20 con la Serbia, ha tutte le qualità che i due tecnici cercano nel loro prototipo di centrocampista moderno : fisicità, tecnica e personalità.

Leggi anche:  Ziliani su Conte: "Vuole che l’Inter sia come la Juve di Moggi. Impossibile schierarsi..."

Gli ostacoli però per l’Inter sono molteplici per arrivare a Grujic. Non c’è solo la forte concorrenza da superare ma anche il giocatore da convincere. Non che il centrocampista non sarebbe onorato di vestire la maglia nerazzurra ma il problema è che lui è legatissimo ad un’altra maglia, quella biancorossa della Stella Rossa che non vuole lasciare prima di averla riportata perlomeno in Champions League. La dirigenza della squadra di Belgrado invece cerca di monetizzare il più possibile per il suo prezzo pregiato, con il prezzo del cartellino che pare sia arrivato agli otto milioni di Euro. Si tratterebbe quindi di un importante sforzo per Thohir ma il presidente nerazzurro ha sempre dimostrato, finora, di accontentare i voleri di Mancini e se l’Inter a Gennaio dovesse ancora essere nelle prime posizioni, siamo sicuri il patron non si tirerà indietro.

  •   
  •  
  •  
  •