Il desaparecido Balotelli ora non è più indispensabile

Pubblicato il autore: Alessandro Cipolla Segui

mario_balotelli

Questa volta il giallo non riguarda il colore della sua cresta ma il suo rientro in campo. Mario Balotelli infatti, il figliol prodigo ritornato a casa Milan questa estate dopo la mediocre esperienza al Liverpool, è fuori causa per un pubalgia dalla sfida del Marassi contro il Genoa, a fine settembre. Uno stop più lungo del previsto per il centravanti, ma pare che si stia intravedendo la luce in fondo al tunnel. Proprio in questi giorni infatti Balotelli effettuerà nuovi esami clinici per valutare la possibilità di un suo eventuale rientro in gruppo. Da escludere comunque una suo presenza nel match di sabato contro l’Atalanta, più probabile vederlo almeno in panchina dopo la sosta quando il Milan affronterà la Juventus. Ma se il rientro sembra vicino la domanda ora è un’altra : è poi indispensabile in questo momento Balotelli per i rossoneri ?

Leggi anche:  Gollini, numeri da record: 0,68 goal a partita e 42% di clean sheet

CHE MODULO CON BALOTELLI ? – Non sarà un problema da poco questo per mister Mihajlovic. Il suo Milan è in serie positiva da quattro partite dove ha raccolto dieci punti e viene da tre vittorie di fila, ultima quella convincente sul campo della Lazio. Questa striscia vincente è arrivata quando il tecnico serbo ha abbandonato il 4-3-1-2 per un più abbottonato 4-3-3, rispolverando il redivivo Cerci e sfruttando al meglio le capacità di Bonaventura. Una scelta dettata anche dalla difficoltà a trovare un trequartista, nonostante gli interpreti non mancherebbero, capace di innescare le eventuali due punte. Con il rientro di Balotelli quindi che scelte farà Mihajlovic ? Fermo restando che Bacca è il centravanti titolare e che Mario non può giocare come esterno offensivo, continuando a giocare con una sola punta effettiva il ruolo di Balotelli sarà quello di riserva di lusso ? E Luiz Adriano poi che fine farebbe, relegato al ruolo di terza scelta ? Sono questi i dilemmi per Mihajlovic però, quando i problemi sono dettati dall’abbondanza, sono dubbi che ogni tecnico vorrebbe sempre avere.

  •   
  •  
  •  
  •