Precedenti Milan Sampdoria. Due squadre alla ricerca del riscatto

Pubblicato il autore: Valerio Nisi

Milan-Sampdoria
Ennesima settimana da dentro o fuori per Sinisa Mihajlovic. Il tecnico del Milan, da quando siede sulla panchina rossonera, non ha mai potuto dormire sonni tranquilli. Che abbia perso o che abbia messo insieme un po’ di punti mostrando a volte anche buon calcio, ha avuto poca importanza. Il serbo è sempre stato sulla graticola. E così, dopo aver inanellato 11 punti in 5 giornate e aver perso a Torino con la Juve, qualcuno parla di nuovo di crisi rossonera. Crisi o no, è chiaro che Sinisa da adesso a Natale deve totalizzare il massimo dei punti visto anche il calendario non proprio proibitivo. E domani sera ci sarà un ritorno al passato. Ci sarà la Sampdoria, la sua Samp, a San Siro, per la 14esima giornata di campionato.

PRECEDENTI MILAN SAMPDORIA – Vediamo nello specifico i precedenti Milan Sampdoria. Sono 57 le volte in cui i rossoneri hanno ospitato i blucerchiati tra le mura amiche e lo score è in netto vantaggio per gli uomini di Mihajlovic. 37 sono infatti le vittorie ottenute contro i genovesi, 10 le sconfitte, 10 i pareggi. L’ultima vittoria rossonera nei precedenti Milan Sampdoria risale alla stagione 2013-2014 con un gol segnato dal bel mancino di Birsa. Nel 2012-2013 invece fu la Samp di Ciro Ferrara a strappare la vittoria nella prima giornata di campionato con un gol di testa di Costa. La stagione scorsa, con Mihajlovic in panchina per i blucerchiati e Inzaghi su quella rossonera, la gara di San Siro è finita con un pareggio. 1-1 con reti di Soriano e De Jong. Prima del pareggio della scorsa stagione il segno x non compariva nei precedenti Milan-Sampdoria dal 2005-2006, e anche in quel caso fu un 1-1 con reti di Shevchenko e Gasbarroni.

Leggi anche:  Dove vedere Chelsea Milan di Champions League, Amazon Prime o Sky?

I rossoneri devono ritrovare la via del gol, smarrita già nell’ultima gara casalinga contro l’Atalanta. Per farlo si affida al suo cannoniere, il colombiano Carlos Bacca già autore di 6 reti in questo campionato. Per la Sampdoria l’arma in più si chiama Eder, che ha messo a segno 9 reti. Le due squadre hanno statisticamente una tendenza opposta per le reti segnate. I precedenti Milan Sampdoria ci dicono che i rossoneri hanno segnato di più nei secondi tempi (58 reti nei primi tempi, 46 nei secondi), mentre i blucerchiati di più nella prima frazione di gara (23 reti nei primi tempi, 19 nei secondi).

Le ultime 5 partite casalinghe del Milan hanno portato 3 vittorie (contro Palermo, Chievo e Sassuolo) 1 sconfitta (contro il Napoli) e 1 pareggio (Atalanta). Tremendo il bilancio esterno della Sampdoria, che in trasferta ha perso 4 volte (contro Torino, Atalanta, Frosinone e Udinese) e pareggiato una sola volta contro il Chievo nelle ultime 5 giornate.

Leggi anche:  Dove vedere Chelsea Milan di Champions League, Amazon Prime o Sky?

Le due squadre arrivano all’anticipo di domani sera da due sconfitte. Amaro l’esordio di Vincenzo Montella sulla panchina blucerchiata, sconfitto ad Udine domenica scorsa. Il Milan, come già detto, ha perso 1-0 allo Juventus Stadium giocando male e mostrando un’involuzione rispetto a quanto mostrato fino alla sosta per le nazionali. Sarà di sicuro curioso vedere chi riuscirà a spuntarla tra i due allenatori che in comune hanno tanto. Innanzitutto un passato da calciatori nelle fila della Sampdoria, due bandiere della Genova blucerchiata. Non solo, entrambi hanno giocato per la Roma ed entrambi con un delicatissimo piede sinistro. Da allenatori condividono da appena una settimana l’esperienza alla Samp, con un passato sulla panchina della Fiorentina. Ultima casualità, in estate il Milan, dopo l’esonero di Filippo Inzaghi, nella scelta di quello che sarebbe stato il futuro allenatore rossonero ha valutato anche Vincenzo Montella. Probabilmente la questione legata alla rescissione contrattuale onerosa con la Fiorentina ha bloccato tutto. Più semplice arrivare a Mihajlovic, quel sergente di ferro che tutti pensavano avrebbe fatto bene allo spogliatoio, ormai fragile, del Milan.

  •   
  •  
  •  
  •