Roma, la rivincita di Rudi Garcia

Pubblicato il autore: Lorenzo Matricardi
Roma
Alla terza stagione sulla panchina della Roma il rapporto tra Rudi Garcia e la tifoseria non ha ancora trovato una stabilità, continuando a risentire inevitabilmente di continui alti e bassi dovuti ai singoli risultati della squadra. Se alla prima stagione il tecnico francese aveva fatto innamorare i sostenitori giallorossi – delusi da due stagioni opache chiuse con la sconfitta nella finale di Coppa Italia del 26 maggio – al secondo anno, pur confermando la posizione in classifica, Garcia non aveva soddisfatto le aspettative dei tifosi, speranzosi di poter lottare per la conquista dello scudetto, mostrando un gioco poco brillante e soffrendo anche in partite sulla carta più che abbordabili.

La terza stagione è iniziata sulla scia di quella precedente, con i tifosi pronti a criticare ogni singolo passo falso della Roma imputando ogni colpa all’allenatore. In particolare dopo il pareggio con il Sassuolo e la sconfitta con la Sampdoria – partita tra l’altro dominata dai giallorossi – il rapporto tra Garcia e tifosi ha toccato i minimi storici e il tecnico è stato fortemente contestato per le sue scelte. Ad oggi, facendo un primo bilancio di questa stagione, possiamo sostenere che il lavoro svolto dal tecnico francese appare quantomeno soddisfacente, con la Roma che dimostra di saper vincere anche le partite più delicate tramite una buona manovra offensiva e con una fase difensiva in netto miglioramento.

Leggi anche:  Gianluca Ferrero, il Nuovo presidente della Juventus
La squadra è in corsa sia per lo scudetto che per la qualificazione agli ottavi di Champions League e la vittoria di mercoledì contro il Bayer Leverkusen – seppur sofferta più del dovuto – sembra aver ridato fiducia alla squadra, che comincia a trovare i giusti automatismi. Il derby di ieri può essere dunque considerato come la definitiva rivincita di Rudi Garcia nei confronti di chi (romanisti e non) negli ultimi mesi lo ha contestato in maniera accanita e spesso anche poco elegante. Vincere un derby a Roma, si sa, può cambiare il volto di un’intera stagione e Garcia da quando è sbarcato nella capitale non ne ha mai perso uno.
  •   
  •  
  •  
  •