Giampaolo allenatore da urlo

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi

Sembra una favola quella dell’Empoli ma in realtà è frutto di astuzia, sacrificio e bravura di Marco Giampaolo, un grande allenatore, che fa da anni ormai parlare di se Coverciano, anche se non ha mai potuto esprimersi a grandi livelli. Il tecnico che nella sua carriera ha sicuramente vissuto diverse vicissitudini all’Ascoli, al Cagliari e al Brescia, sembra che all’Empoli e cose possano veramente andare bene per questo tecnico che ha dalla sua parte un’enorme grinta e che potrebbe veramente lanciarsi verso grandi traguardi.

L’Empoli di Giampaolo

giampaoloDopo la partenza di Sarri che sta facendo le fortune del Napoli, e che aveva fatto vedere proprio nell’Empoli il calcio più bello d’Italia, nessuno si aspettava che la squadra toscana potesse ripetersi, specialmente con un tecnico che non era mai riuscito a esprimersi, neanche con le piccole, anche se nel corso allenatori di Coverciano si è classificato con il massimo dei voti, per questa ragione l’Empoli quest’anno non sembrava poter godere di tanto credito, cosa smentita fin da subito, con un gioco impeccabile, forse secondo solo al Napoli di Sarri, e con risultati positivi uno dietro l’altro, che vedono i toscani al sesto posto, con ben 27 punti a soli 6 punti dalla Juventus di Allegri che si è seriamente proposta come squadra vincente del campionato, arrivando a tallonare sia il Napoli che l’Inter.

Leggi anche:  Il Milan fa gli auguri a Ibrahimovic: "Unico"

L’estro di Giampaolo

giampaoloGiampaolo fa giocare il suo Empoli con un meraviglioso 4-3-1-2, avvalendosi della classica difesa a 4, coadiuvata da tre mediani che non lasciano respirare gli avversari, un fantasista che sta facendo un campionato straordinario e che farebbe comodo a diverse big (Saponara), e due attaccanti degni della nazionale italiana, come Pucciarelli e soprattutto Maccarone, talento indiscusso che nonostante  l’età riesce ancora a far impazzire le difese italiane.

Anche il sorprendente Bologna di Donadoni, in grado di arrestare la corsa del Napoli si è dovuto inchinare a Giampaolo e Maccarone, una coppia vincente non solo a parole ma anche e soprattutto con i fatti (basti vedere classifica e classifica cannonieri).

Skorupski rinato

Che dire del portiere ex Roma? Innanzitutto occorre fare un applauso al solito Sabatini, vero scopritore di talenti, come nel caso del giovanissimo portiere polacco, che forse avrebbe fatto comodo alla Roma visti i problemi con l’estremo difensore, ma che probabilmente qui a Empoli può avere modo di giocare e crescere senza le pressioni che avrebbe sofferto a Roma.

Leggi anche:  Il Milan fa gli auguri a Ibrahimovic: "Unico"

Nessuno comunque poteva immaginare un simile rendimento, merito senza dubbio di Giampaolo, che sa motivare gli uomini che ha a disposizione tirando fuori da loro il meglio che possono offrire, per la gioia di tutto l’ambiente e non solo del giocatore.

Saponara leader

Una parentesi a parte va aperta anche per Saponara, vero fulcro del gioco di Giampaolo, che nonostante i tempi siano cambiati fa ruotare il suo gioco sul fantasista, che forse avrebbe meritato più spazio al Milan, che lo ha frettolosamente rigirato all’Empoli, senza domandarsi se il giocatore potesse tornargli utile, vista anche la lunga assenza per oscuri motivi di Mario Balotelli, giocatore di indubbio potenziale ma dal carattere veramente irrequieto.

  •   
  •  
  •  
  •