Juventus, Barzagli: “Crediamo allo scudetto”

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito

Barzagli
Il difensore della Juventus, Andrea Barzagli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ieri nella trasmissione sportiva Tiki Taka, il talk show condotto da Pierluigi Pardo in onda su Italia 1. Il difensore ha ribadito di credere nella rimonta per lo scudetto che si sta concretizzando sempre di più, visto che la sua Juventus viene ormai da sei vittorie consecutive in campionato. Ecco le sue parole:
Il nostro spogliatoio è sempre stato molto unito nonostante i tanti cambiamenti nell’organico rispetto alla scorsa stagione e ora siamo tornati ai nostri livelli. La crescita è dovuta a un insieme di fattori: abbiamo ritrovato serenità, solidità e in più abbiamo recuperato punti nei confronti delle squadre che avevamo davanti. Adesso dobbiamo mantenere una mentalità giusta: forse non saremo bellissimi come per esempio è successo con la Fiorentina, ma abbiamo vinto di mestiere, di esperienza. Quest’anno il campionato è molto aperto, bellissimo e noi ci siamo: possiamo ancora crescere e migliorare. In questi progressi fatto finora c’è anche molto di Allegri: sta facendo ottime cose, ma è tutto il gruppo che è pronto. La strada è la stessa per tutti e la stiamo percorrendo tutti insieme: chi va in campo dà il massimo e chi entra fa la differenza. Significa che la nostra rosa è competitiva“.

Leggi anche:  Claudio Lotito Senatore: "Lazio, resto Presidente. Scudetto possibile, ho trattenuto i migliori"

Barzagli ha parlato anche nel dettaglio dell’ultimo match contro la Fiorentina, vinto in rimonta per 3-1: “Il rigore di Chiellini su Bernardeschi? Dal campo ero sicuro non fosse rigore e invece forse guardandolo a rallentatore l’azione il tocco può esserci: si poteva e non si poteva dare. La Fiorentina è una bellissima squadra: organizzata, aggressiva, con grande padronanza del gioco e con calciatori interessanti. In un campionato aperto come questo può lottare per lo scudetto. La differenza tra la passata stagione e questa in Champions? Abbiamo fatto esperienza e in Champions, almeno finora, i risultati sono buoni. Diciamo che ci poteva capitare qualcosa di più abbordabile rispetto al Bayern Monaco, ma sarà una grandissima partita. La Juve dell’anno scorso ha rischiato di andare fuori in casa contro l’Olympiacos: abbiamo sofferto il girone, mentre quest’anno lo abbiamo passato meglio. Naturalmente a Siviglia potevamo fare meglio, ma non siamo andati lì in vacanza. Dybala? È un grande talento e lo sta dimostrando: all’inizio c’era molta pressione su di lui, sembrava dovesse far gol a ogni palla. Ora si è tolto qualche responsabilità di troppo e sta facendo bene. Il discorso di Buffon dopo Sassuolo? Sono le grandi parole di un grande uomo e di un grande calciatore: oltre a lui metto dentro anche Evra. Tutti i giovani hanno capito le loro poche ma importanti parole. Era normale che i nuovi arrivati necessitassero di un periodo di ambientamento. Giovinco all’Europeo? Io lo porterei“.

Leggi anche:  Addio a 5 giocatori: la Juventus punterà sui giovani, non rinnoverà alcuni contratti

La stagione della Juventus non era cominciata nel migliore dei modi, e nelle prime partite di campionato aveva accumulato già un discreto distacco dalla vetta. La situazione però sta cambiando e complice l0iniezione di fiducia portata alla squadra dalla qualificazione agli ottavi di Champions, i bianconeri sono riusciti ad inanellare ben sei vittorie consecutive in campionato, e non sembrano avere la minima intenzione di fermarsi.

  •   
  •  
  •  
  •