Napoli, Higuain: “Sarri mi ha convinto a restare! Amo Napoli, il paragone con Maradona è un onore”

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito

Gonzalo Higuain, bomber e autentico trascinatore di questa prima parte di stagione del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Mediaset Premium in cui ha toccato vari argomenti. Ecco le sue parole:

Sul 2015: “E’ stato un anno lungo ma il bilancio è abbastanza positivo. Abbiamo fatto la semifinale di Europa League e ci siamo giocati la qualificazione alla Champions fino all’ultima partita. Purtroppo è andata male. Da settembre stiamo facendo bene, speriamo che il 2016 sia migliore”.

Sul rigore sbagliato in Napoli-Lazio che è costato la mancata qualificazione in Champions: “Sono cose del calcio, senza i due gol prima nessuno avrebbe pensato al rigore. E’ anche il bello di questo sport, ogni anno hai la possibilità di migliorare“.

Sul rapporto con Sarri: “C’è stato grande feeling fin da subito, mi ha convinto a restare e ringrazio lui, i compagni, la società e i tifosi. Sono felice di essere rimasto a Napoli. Sarri mi ha dato tranquillità, quest’anno sto bene con la testa, fuori dal campo ho trovato la serenità e questo poi si riflette quando gioco. Secondo lui posso vincere il pallone d’Oro? Lo ringrazio, con me è sempre stato sincero“.

Sul paragone con Maradona: “Sono argentino come lui ma non è un peso indossare questa maglia, è una soddisfazione. E’ stato un grandissimo giocatore nella storia del calcio, il più amato di Napoli. Essere paragonato a lui per me è una grande gioia“.

Sul feeling con i tifosi: “E’ perfetto, mi fanno sentire speciale: anche quando vado in giro per la città mi fanno sentire unico. Li ringrazio ed è anche merito loro se riesco a fare bene. Quando urlano il mio nome dopo il gol è un’emozione bellissima. Anche il coro ‘Un giorno all’improvviso…’ mi piace molto, volevo cantarlo insieme a loro e l’ho fatto. Loro sanno che insieme siamo più forti, speriamo di continuare così“.

Sugli obiettivi per il 2016: “Sognare è lecito, finché ci sarà la possibilità matematica per vincere i titoli per i quali siamo in corsa noi lotteremo. Nel prossimo anno mi auguro di stare bene, di migliorare e a livello calcistico di provare a vincere qualcosa“.

Sull’essere, a detta di molti, l’attaccante più forte del mondo: “Non lo so, è una decisione che lascio a voi. Io provo sempre a migliorare giorno dopo giorno, a volte ci riesco, altre volte no, è normale, non siamo robot. Ringrazio chi la pensa così, ma io penso solo a fare bene“.

Vincere la classifica marcatori, lo scudetto o diventare papà?: “Le prime due speriamo, la terza non credo, non sono ancora pronto per diventarlo. Tutti dicono che essere papà è la cosa più bella del mondo ma per me adesso è lontanissima come cosa“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Addio a 5 giocatori: la Juventus punterà sui giovani, non rinnoverà alcuni contratti