Napoli, Sarri: “Bilancio 2015 positivo. Higuain è un po’ rosicone…”

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito

Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, ha tracciato al Corriere dello Sport il suo personale bilancio di questo anno solare, che lo ha visto prima protagonista con l’Empoli e ora con il Napoli. Dopo aver sorpreso tutti con il suo Empoli, in estate De Laurentiis gli ha offerto la panchina del Napoli, piazza certamente diversa da quella toscana e più complicata da gestire tra pressioni e altalene umorali. Allenare la squadra che tifava fin da bambino è sempre stato un sogno per lui, eppure nelle prime partite ha dovuto fare i conti con non poche difficoltà, vista la partenza a rilento del suo Napoli. Con il passare dei giorni però la situazione è notevolmente migliorata, ed ora i partenopei si trovano a -1 dalla vetta in campionato, ai sedicesimi di finale di Europa League e ai quarti di finale di Coppa Italia. La perfezione, o quasi.
Parlare di Scudetto è però ancora una bestemmia per Sarri: “Non mi sentirete mai sbilanciare, non esistono le condizioni per farlo. Manca ancora un intero girone a cui vanno aggiunte le due gare di gennaio“.
Su Higuain, il suo bomber di razza che sta trascinando la squadra: “E’ sensibile, ha trasmesso di sè un’immagine non aderente al suo carattere. A Bergamo, nell’intervallo, gli ho detto “va in campo e gioca tranquillo, vedrai che fai gol”. Lui è un po’ rosicone, si vede, ma basta toccargli le corde giuste“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Brozovic si ferma, Inter in ansia: ecco quanto potrebbe star fuori il centrocampista