Quagliarella col freno a mano tirato

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi

quagliarellaSi tratta di uno degli attaccanti più forti, è proprio il caso di dirlo, d’Italia, Fabio Quagliarella, astro del Torino e della nazionale italiana, professionista serio che ha fatto sognare i tifosi non solo del Torino ma anche del Napoli e della Juventus. Calciatore diligente e persona impeccabile che però ultimamente non riesce a inquadrare la porta.

Fabio è infatti fermo alle 4 reti segnate nelle prime 4 giornate di campionato, dove ha trascinato il Toro anche con il suo carisma, una personalità degna di nota che meriterebbe palcoscenici forse più grandi, ma che nella suggestiva Torino fa la sua figura.

La media dell’attaccante rimane alta, e superiore al 6,5, ma quello che manca, specialmente per gli amanti del fantacalcio è appunto il goal, che fa aumentare prodigiosamente la fantamedia, anche se , è il caso di dirlo, Fabio ha sempre tirato fuori il meglio di se nel girone di ritorno, dove ha sempre trascinato le sue squadre verso il raggiungimento degli obiettivi fissati a inizio stagione.

Leggi anche:  Brozovic si ferma, Inter in ansia: ecco quanto potrebbe star fuori il centrocampista

Perché Quagliarella non segna

L’importante e che il Torino vinca, e per farlo a volte serve il gioco dell’intera squadra e non i goal di un singolo cannoniere, per questa ragione Ventura, uno degli allenatori più bravi e preparati del nostro Paese, gioca sugli inserimenti dei centrocampisti, come Baselli, che sta facendo un ottimo campionato e ha già totalizzato 4 reti, come lo stesso Quagliarella.

In pratica la tattica di mister Ventura vuole che gli attaccanti si aprano a ventaglio per sostenere le incursioni dei centrocampisti, in modo da attaccare con diversi uomini e non solo con le due punte. Questo gioco, senza dubbio spettacolare e offensivo, fa si che gli attaccanti segnino meno goal del previsto, ma non occorre dispiacersi per questo, perché l’importante e che vinca la squadra e non il cannoniere.

Leggi anche:  Calciomercato Torino: lavori in corso per il rinnovo del difensore

Da parte nostra speriamo di vedere Quagliarella protagonista con il Torino, che deve portare in Europa League e in nazionale, dove c’è un Europeo da conquistare e un Antonio Conte, probabilmente al suo ultimo anno in nazionale, che punterà a prendere la vittoria che manca all’Italia ormai dal 1968, data storica in cui lo scomparso Capitano Giacinto Facchetti alzò la coppa al cielo.

Baselli fulcro del gioco

quagliarellaSicuramente salito alla ribalta il centrocampista offensivo Daniele Baselli, classe 1992 che già nei suoi trascorsi a Bergamo nell’Atalanta si era messo in grande spolvero ma che con Ventura sta probabilmente facendo il suo anno migliore, a dimostrazione di come il tecnico di Genova sia un vero e proprio fenomeno sulla panchina, che purtroppo non ha ancora avuto l’opportunità di mostrare tutto il suo talento nel calcio che conta, cioè davanti a grandi palcoscenici dove possa raggiungere i meritati successi.

Leggi anche:  Juventus, Agnelli congela i rinnovi: Cuadrado e gli altri partenti

Nel calcio infatti non sempre il migliore emerge, in quanto spesso sono le circostanze che fanno si che un tecnico emerga rispetto a un altro, e non necessariamente le doti calcistiche. Lo stesso si può dire per i calciatori, come Quagliarella per l’appunto, che meriterebbe sicuramente una squadra di primo rango, anche a livello internazionale, potendo dare il suo contributo anche in stadi centenari.

  •   
  •  
  •  
  •