Roma, l’undici dei rimpianti

Pubblicato il autore: Lorenzo Matricardi

RomaLa Roma sta attraversando un momento non facile a causa di una serie di risultati negativi ottenuti nelle ultime settimane. La Gazzetta dello Sport gira il coltello nella piaga, sottolineando come undici “scarti” della rosa giallorossa stiano facendo particolarmente bene nelle loro attuali squadre. L’ispirazione è probabilmente arrivata dalla frase di Adem Ljajic, che nel post-partita di Inter-Genoa ha dichiarato: “Spero che a Roma qualcuno si stia mangiando le mani”. Questo l’undici ipotetico schierato da Francesco Oddi nel suo articolo sulla Gazzetta.

In porta Skorupski, che dopo un inizio stentato tra i pali dell’Empoli, ha finalmente ingranato e si sta mettendo in mostra con ottime prestazioni, soprattutto nell’ultima partita contro il Verona. Il polacco dovrebbe tornare a Roma solo nell’estate del 2017. Difesa a tre con Yanga-Mbiwa, che sta ben impressionando a Lione; Astori, che si è conquistato una maglia da titolare nell’ottima Fiorentina di inizio stagione a suon di prestazioni maiuscole e Romagnoli, che dopo un avvio di stagione deludente – soprattutto in virtù dei 25 milioni spesi dal Milan – ha trovato una buona continuità di rendimento riscontrabile anche nei pochi gol incassati dai rossoneri di recente.

Leggi anche:  Inter, quanti infortuni: con la Roma grattacapi per Inzaghi

Quattro i centrocampisti: Bertolacci, anche lui strapagato dal club di Berlusconi e a dire il vero non del tutto convincente fino a questo momento anche a causa di qualche infortunio di troppo; Paredes, diventato pedina inamovibile dello scacchiere di Giampaolo all’Empoli e punto di riferimento della manovra dei toscani; Pellegrini, che a Roma ha disputato solo pochi minuti in Serie A e che sta ben impressionando con il Sassuolo, dove ha anche trovato il primo gol nella massima serie; Politano, anche lui al Sassuolo ma in prestito annuale, sta disputano una buona stagione agli ordini di Di Francesco.

I tre attaccanti sono invece il già citato Ljajic, che ha conquistato la fiducia di Mancini che al momento lo preferisce addirittura a Jovetic e Icardi; Sanabria, 5 gol in 9 presenze nella Liga con la maglia dello Sporting Gijon; Destro, che dopo il cambio di allenatore sulla panchina del Bologna sembra aver cambiato definitivamente marcia segnando 4 gol nelle ultime 3 partite disputate. All’appello mancherebbe anche Doumbia, che con il CSKA Mosca ha segnato gol a grappoli sia nel campionato russo che in Champions League. Chiudono il quadro due ex allenatori della Roma, Luis Enrique e Ranieri, che stanno facendo la fortuna dei propri club in Spagna e Inghilterra e sono entrambi in testa ai rispettivi campionati.
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: