Allegri e quella barca trasformata in yacht

Pubblicato il autore: @lorenzo_v_81 Segui

Allegri

Il vero marinaio si vede quando è forte la tempesta e Massimiliano Allegri è un gran bel condottiero in questo senso. Probabilmente venendo da una cittadina di mare come Livorno è abituato anche al mare in tempesta ma la calma con la quale ha gestito il periodo difficile della sua Juventus ad inizio stagione gli ha dato la forza per affrontare al meglio il momento della gioia, della ritrovata felicità e della ritrovata compattezza di squadra, quella che ha la Juventus in questo momento. La squadra è in piena rincorsa al Napoli in campionato e sembra l’unica vera contendente ai pertenopei per il titolo. È in semifinale di coppa Italia dove affronterà nel derby d’Italia molto sentito l’Inter (che ha eliminato proprio il Napoli) in una gara di andata e ritorno. Inoltre è negli ottavi di Champions League dove affronterà il temibile Bayern di Monaco una sfida sulla carta chiusa però se sarà la Juventus vista nelle ultime settimane nulla è precluso. Massimiliano Allegri pare aver trovato la quadratura del cerchio e tutti i tasselli si stanno mettendo al loro posto: Dybala ha trovato una regolarità sottoporta incredibile, accanto a lui Mandzukic sembra il partner perfetto. Poi in panchina c’è un Simone Zaza desideroso di mettersi in mostra agli occhi del ct Antonio Conte in vista dei prossimi europei. Ci sono poi alcuni giocatori da recuperare, ma che possono diventare delle armi in più nel finale di stagione: in primis Álvaro Morata che non trova un gol da tanto tempo, proprio lui che l’anno scorso fu il vero trascinatore della trionfale cavalcata fino alla finale di Berlino. Ci sarà da ritrovare sull’out di destra un Cuadrado che sembra essere un pochino uscito dai radar dopo il gol nel derby che ha di fatto riparendere la Juventus anche se togliere il posto all’attuale Lichsteiner è veramente molto complicato. In più ci sarà da ritrovare anche un Hernanes a centrocampo che può essere una valida alternativa a Marchisio visto che, per il momento, Allegri lo vede più come regista che come rifinitore. Con il recupero del tucumano Pereyra e qualche probabile innesto in questi ultimi giorni di calciomercato invernale la Juventus può realmente recitare un ruolo da protagonista con una compattezza difensiva vista già nelle altre stagioni rinforzata dal ritorno alla difesa a tre nella quale i vari interpreti oltre al trio Barzagli Chiellini e Bonucci, le alternative Cáceres e Rugani riescono ad integrarsi al meglio. Sull’out di sinistra, oltre alla sicurezza Evra c’è un Alex Sandro che cresce a vista d’occhio. Insomma tante buone notizie per il marinaio Massimiliano Allegri che cercherà di condurre la squadra, dopo averla accompagnata in un porto più tranquillo, verso un finale di stagione entusiasmante è ricco di successi come lo è stato quello dell’anno passato. Nessuno ci avrebbe scommesso sopra un euro dopo la sconfitta di Sassuolo in una squadra dove i nuovi facevano fatica ad inserirsi e i “vecchi” erano molto lontani dallo smalto della passata stagione. E invece Allegri è rimasto sempre calmo, convinto dei mezzi della propria squadra, che è tornato a far brillare come uno yachy extralusso.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Haaland-Juventus, il padre del norvegese: "Ecco perché mio figlio rifiutò i bianconeri"