Mertens: “Bisogna vincere a Frosinone e poi si vedrà”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

mertens (1)

Napoli ancora ad un punto dalla vetta grazie alla vittoria per 2 a 1 con il Torino. Oggi l’attaccante azzurro Dries Mertens è intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli, ecco le sue parole: “A Bergamo abbiamo fatto una buona gara, ieri abbiamo iniziato bene il 2016. Con tre punti contro il Torino. I granata giocano molto bene, siamo stati bravi perchè dopo la sosta non è mai facile vincere”.

Belgio ancora primo nel ranking Fifa? “Siamo contenti, è una cosa bella per un Paese piccolo”.

L’Europa League resta un obiettivo? “Sì, ma dobbiamo dimenticare le sei vittorie nel girone. Il Villarreal è una squadra forte, dobbiamo iniziare così come abbiamo finito”.

La grande stagione finora? “Sappiamo che non dobbiamo parlare troppo, ma continuare su questa strada”.

La trasferta di Frosinone? “Siamo tutti preparati, siamo pronti. Abbiamo vinto ieri in casa ma dobbiamo farlo anche a Frosinone”.

Il Napoli resta in contatto con la vetta: “Non pensiamo agli altri, ma solo a noi stessi. Come dice sempre Sarri”.

Vuoi vincere l’Europeo? “E’ come l’Europa League, abbiamo vinto sei gare nel girone ma se perdiamo col Villarreal sarà come aver fatto nulla. Così anche col Belgio, dobbiamo mettere da parte il ranking. Siamo primi ma non abbiamo vinto nulla, vogliamo rimediare”.

Insigne avversario in occasione di Italia-Belgio all’Europeo? “Insigne, Jorginho, Valdifiori e Gabbiadini. Spero che quel giorno possano esserci tanti napoletani in campo”.

Tu e tua moglie state bene in città? “Certamente, non era facile trasferirsi da giovane in un’altra città con la fidanzata. Qui c’è tanta gente che ti aiuta sempre, è bellissimo”.

Feeling con le curve? “Si, dobbiamo portarla sempre. Non solo quando giochi bene, i tifosi sono importanti perchè se giochi e hai delle difficoltà i tifosi ti aiutano”.

Cosa dobbiamo aspettarci dal Napoli? “Dobbiamo proseguire così, poi vedremo. Dobbiamo valutare gara dopo gara, bisogna vincere a Frosinone. Poi vedremo”.

L’intesa con Higuain? “Non c’è solo con lui, siamo 25 calciatori in rosa e siamo tutti uniti. Anche la panchina è importante”.

Il gruppo è unito? “Sono arrivato qui tre anni fa insieme a tanti calciatori, dopo tanti anni insieme le cose vanno sempre meglio. I calciatori sono sempre insieme, è un fattore buono per il gruppo e i risultati si vedono”.

In conclusione i saluti del belga:“Grazie a tutti i tifosi azzurri, buon anno e divertitevi!”.

  •   
  •  
  •  
  •