Ultimissime notizie in casa Inter verso il derby di Milano. Probabili formazioni e statistiche.

Pubblicato il autore: Emiliano Rota Segui

mancini eder allDurante la rifinitura pomeridiana delle 17, i tifosi nerazzuri accorsi in più di 400 hanno potuto ammirare le prodezze del neo acquisto Eder, già carichissimo per il suo primo derby di Milano. L’italo-brasiliano ha dato spettacolo nella partitella di allenamento della vigilia ad Appiano Gentile: prima un gol di testa e poi la doppietta personale con un gran destro al volo per la gioia dei tifosi della Curva Nord accorsi alla Pinetina a caricare la squadra in vista della sfida contro il Milan. L’arrivo del bomber ex Sampdoria ha causato pareri contrastanti.
Ai microfoni di Radio Radio, l’ex attaccante Roberto Pruzzo ha commentato così l’arrivo di Eder in nerazzurro: “Il problema di gennaio è quello di non peggiorare la squadra. L’Inter con Eder aggiunge qualcosa davanti, in un reparto che fa fatica a segnare“.
Di tutt’altra opinione, invece, Fernando Orsi che, ai microfoni di Radio Crch, ha parlato dell’ultimo colpo messo a segno da Piero Ausilio per rinforzare l’attacco nerazzurro: “Eder all’Inter? A Mancini gli attaccanti piacciono tanto, probabilmente ai nerazzurri serviva altro. Non credo che l’Inter possa rientrare nella corsa allo scudetto…

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Udinese - Fiorentina: streaming o diretta TV, SKY o DAZN?

Roberto Mancini, nella conferenza stampa pomeridiana, ha parlato subito del neo acquisto smorzando l’entusiasmo: “E’ una grande chance per lui e per noi, ci può dare una mano ma non bisogna pensare che cambi tutto sin da subito. Avrà bisogno di ambientarsi“. Chissà se dopo la doppietta in allenamento si sarà convinto a schierarlo titolare in una partita di così fondamentale importanza come il derby.
Intanto attraverso i suoi canali social, prova a caricare l’ambiente: “Domani in palio tre punti importanti, dobbiamo superare questo momento, compatti come sempre!“. Il tecnico nerazzurro sottolinea l’importanza del derby, soprattutto alla luce degli ultimi risultati dei nerazzurri che hanno portato la squadra del patron Thohir a perdere punti dalla vetta.

Purtroppo il tecnico di Jesi dovrà probabilmente fare a meno di un elemento importante: infatti il profilo twitter ufficiale della compagine nerazzurra fa sapere che Jonathan Biabiany è a rischio per il derby di Milano. Il francese è stato colpito da una sindrome influenzale e le sue condizioni verranno valutate nelle prossime ore.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Juventus - Sampdoria: streaming e diretta TV, SKY o DAZN?

Le ultime indiscrezioni dal botteghino fanno presagire un derby sold out. Secondo i dati in possesso giunti in queste ore, sono a disposizione ancora 3-400 biglietti sparsi tra i vari settori del primo anello rosso. Alla vigilia del match l’ansia da stracittadina sale a dismisura e ci si aspetta una spettacolo degno di nota dentro e fuori dal campo.

Queste le probabili formazioni:

Milan (4-4-2): Donnarumma; Abate, Alex, Romagnoli, Antonelli; Honda, Kucka, Montolivo, Bonaventura; Bacca, Niang. All.: Mihajlovic

Squalificati: –

Indisponibili: Menez, Diego Lopez, Rodrigo Ely, Luiz Adriano

Inter (4-3-3): Handanovic; D’Ambrosio, Murillo, Miranda, Telles; Brozovic, Medel, Kondogbia; Ljajic, Icardi, Eder. All.: Mancini

Squalificati: –

Indisponibili: Perisic

STATISTICHE OPTA
164° derby della Madonnina nella Serie A a girone unico: nerazzurri avanti per 61 successi a 50, 52 i pareggi.
Il Milan ha vinto solo uno degli ultimi nove derby di Serie A contro l’Inter (3N, 5P).
Negli ultimi sette derby di Serie A, nessuna delle due squadre è mai riuscita a segnare più di un gol.
Una sola sconfitta per la squadra di Sinisa Mihajlovic nelle ultime otto giornate di Serie A: tre le vittorie, quattro i pareggi.
L’Inter subisce gol da tre giornate di fila: è la prima volta che accade in stagione. Tre degli ultimi quattro gol subiti dai nerazzurri in Serie A sono arrivati negli ultimi cinque minuti di partita (due nel recupero).
L’Inter è l’unica squadra a non aver subito gol di testa in questa Serie A, ma anche quella che ne ha segnati meno in questo modo (uno soltanto).
Il 48% dei gol subiti dal Milan (12 su 25) sono arrivati da situazione di palla inattiva: è la più alta percentuale nella Serie A 2015/16.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: