Balotelli: bye bye Milan e…Conte!

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Balotelli torna nel 2016
La pazienza, anche questa volta, sembra essere terminata
. La seconda esperienza al Milan di Mario Balotelli non ha dato i frutti sperati ed il giocatore, questa volta complici anche diversi acciacchi fisici che lo hanno tenuto lontano diverso tempo dai campi da gioco, è finito nuovamente ai margini del progetto rossonero. Bocciato dallo stesso Mihajlovic che nel dopo partita contro il Genoa pur non nominando direttamente Balotelli ha lasciato intendere di non essere soddisfatto della prestazione dell’attaccante, specialmente dal punto di vista dell’impegno messo in campo nei pochi minuti in cui l’ex Inter è stato chiamato in causa. In stagione Balotelli ha messo a segno soltanto due gol, un contributo troppo esiguo per fargli guadagnare una possibile riconferma in rossonero. E mentre il suo agente, Mino Raiola, proprio oggi si è affrettato a smorzare ogni polemica su presunte frizioni tra il giocatore e la società la verità è che anche questa esperienza bis al Milan si concluderà con tanti rimpianti e scarsi risultati per Balotelli. Nel futuro del giocatore non sembra, ad oggi, esserci nemmeno la possibilità di un tentativo di riscatto con la maglia della Nazionale.

Leggi anche:  Dove vedere Benevento-Juventus, streaming e diretta tv Serie A

I prossimi Europei di giugno vedranno Balotelli come semplice spettatore. Conte ha da tempo escluso Balotelli dal proprio progetto tattico e la stagione sotto tono del giocatore di proprietà del Liverpool non consente all’attaccante di sperare di rientrare nel giro della Nazionale. A meno di cose eccezionali in queste ultime tredici partite di campionato. Impossibile no, ma di certo molto , molto molto difficile che ciò possa accadere. E sullo sfondo rimane il Liverpool di Klopp che a luglio  “riabbraccerà” SuperMario forse soltanto per un semplice nuovo arrivederci. Il credito verso Balotelli, in Inghilterra, è ormai finito dopo l’esperienza al City e la permanenza dell’attaccante è davvero quasi un’utopia.

 
  •   
  •  
  •  
  •