Caos Palermo, Schelotto se ne va

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
zampariniPalermo, siamo alle solite. L’ennesimo colpo di scena di un film cui ormai da troppi anni i tifosi rosanero sono costretti ad assistere è arrivato nella serata di ieri. Il tecnico argentino, Guillermo Barros Schelotto, ha deciso di tornare in Argentina. Il prescelto del presidente Maurizio Zamparini per sostituire Ballardini non siederà mai sulla panchina del Palermo a causa dei problemi nell’ottenimento del patentino di allenatore. Nonostante, infatti, un tentativo di ricorso alla Fifa,  le pratiche per ottenere l’abilitazione sarebbero durate un anno. Troppo perchè l’accordo tra l’argentino e Zamparini potesse durare.  Fin dalla chiamata del presidente rosanero, l’undici gennaio scorso, Schelotto era sempre stato sostituito in panchina da Giovanni Tedesco nelle gare ufficiali in attesa, proprio, del conseguimento del patentino.  La scoperta, adesso, della lunga attesa per ottenere il via libera e sedere sulla panchina rosanero ha spinto Schelotto a chiudere ogni rapporto con il Palermo e tornare in Argentina. A meno di ulteriori colpi di scena l’allenatore del Palermo fino al termine della stagione sarà l’attuale tecnico della Primavera Giovanni Bosi coadiuvato ancora da Giovanni Tedesco.  Bosi   sarà ufficialmente il quinto allenatore dei rosanero in questa stagione.  Prima di lui Iachini, Ballardini, Viviani e lo stesso Tedesco ( questi ultimi due in rappresentanza di Schelotto). Ma c’è da credere, conoscendo il carattere di Zamparini, che  ancora i tifosi rosanero potranno assistere ad ulteriori colpi di scena in una stagione che, al momento, di buono ha soltanto i sette punti di vantaggio sulla zona retrocessione.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A femminile, questo fine settimana si disputa la nona giornata
Tags: