Crisi Inter: per Jojo e Ljajic ora si fa dura

Pubblicato il autore: Linda Borgioni Segui

Jovetic-Ljajic
La crisi dell’Inter non è più un segreto
e dopo la sconfitta in campionato contro la Fiorentina si è andata solo intensificando. Il risultato del Franchi, infatti, non solo ha allontanato i nerazzurri dal terzo posto, ma ha anche acuito i problemi interni alla squadra di Mancini. Il malumore in casa Inter si taglia con il coltello e non è un caso che al termine della sfida con la Viola la società ha deciso di optare per il silenzio stampa. Le problematiche sono molteplici e ovviamente il fatto che i risultati non arrivano non migliora la situazione, ma ora al centro della crisi si piazzano anche Stevan Jovetic e Adem Ljajic.

E non certo per le loro prestazioni in campo, visto che non vengono praticamente mai schierati da Roberto Mancini. Piuttosto, a far parlare è proprio il loro scarso utilizzo, dopo che nella scorsa estate errano arrivati all’Inter come salvatori della patria, come grandi botti di mercato, come uomini Champions. Invece, Jojo e Ljajic non trovano più spazio nella squadra nerazzurra, chiusi anche dall’arrivo di Eder. Infatti, l’acquisto dell’ex doriano ha tolto una maglia da titolare nello schieramento di Mancini e il ritrovato spirito di Palacio ne potrebbe togliere una seconda, fermo restando che il ruolo del centravanti resta di Mauro Icardi.

Leggi anche:  Calciomercato Milan, per gennaio Maldini vuole un vice Ibra: ecco i tre nomi sul taccuino

Insomma, per Ljajic e Jovetic si fa davvero dura e in salita la strada verso la rinascita. Anzi, i due super acquisti del mercato estivo rischiano di diventare le sue più grandi delusioni di questa sciagurata annata nerazzurra. E se l’ex romanista, quantomeno, si è dimostrato volenteroso quando è subentrato, il montenegrino appare sempre svogliato e fuori forma. Certo è che il momento dell’Inter non aiuta nessuno, né Mancini nelle scelte che deve fare, né i giocatori che vengono usati meno. Solo un cambiamento di atteggiamento può salvare i due, che altrimenti rischiano di cadere nell’oblio della crisi targata Inter.

  •   
  •  
  •  
  •