Il punto sulla Serie A alla vigilia del turno infrasettimanale

Pubblicato il autore: Matteo Monaco Segui

higuain-1024x667

In attesa della prossima giornata di campionato e dell’anticipo tra Sassuolo e Roma facciamo un punto della situazione del campionato italiano dopo la giornata 22.

La classifica vede in prima posizione il Napoli con 50 punti, seguita a sole due lunghezze dalla Juventus. Più staccate la Fiorentina, 42 punti, otto in meno del Napoli e l’Inter ferma a quota 41. Il quinto posto è della Roma a 38 punti con il Milan a quota 36. Ancora in lotta per l’Europa ci sono tre squadre: il Sassuolo, a quota 33 la Lazio e l’Empoli a quota 32. Nella parte bassa della classifica sempre più ultimo il Verona di Del Neri con cinque lunghezze di svantaggio sul Frosinone di Stellone, penultimo con 16 punti e otto dal Carpi di Castori. Male le due genovesi, con Sampdoria e Genoa che si trovano attualmente in quart’ultima e quint’ultima posizione comunque rispettivamente con 4 e 5 punti di vantaggio sul terz’ultimo posto valevole la retrocessione. Poi un gruppone che sembra già non avere molto da chiedere a questo campionato: nel giro di quattro punti si va dall’Udinese a quota 25 fino al Bologna, a quota 29.

Leggi anche:  Record Immobile, ecco tutti i primati di Re Ciro con la maglia della Lazio: e c'è Piola nel mirino

La lotta per lo scudetto sembra essere ormai una corsa a due, con Napoli e Juventus che stanno mostrando il miglior gioco dell’intero campionato. Travolgente il Napoli, vittorioso 5-1 nella partita casalinga contro l’Empoli, travolgente la Juventus, 4-0 in casa del Chievo. Il turno di domani dovrebbe riservare maggiori difficoltà per la squadra di Sarri, impegnata nella difficile trasferta di Roma contro la Lazio che, nonostante risultati alterni, sta provando a dare continuità di risultati e di gioco. Sulla carta più semplice il compito della Juventus, in casa contro il Genoa che non sta passando il suo miglior periodo.

La lotta per il terzo posto sembra avere un nuovo protagonista: il Milan di Miha che dopo l’ampio successo per 3-0 contro i cugini neroazzurri, si sono portati a sei lunghezze dalla Fiorentina. Nel mezzo Inter e Roma non stanno vivendo il loro miglior momento, con la squadra di Mancini che sembra aver perso la robustezza e la solidità in difesa e quella di Spalletti che non è ancora riuscita a superare la “pareggite” del periodo Garcia. Le sei squadre citate sono in lotta per i cinque posti a disposizione per l’Europa (il Milan con la Coppa Italia potrebbe arrivare in Europa League per altre vie) ma non sono del tutto svanite le possibilità di Lazio, Sassuolo e Empoli, le ultime due vere sorprese del campionato che sembrano però, in fase calante. Molto dipenderà da come si comporteranno le squadre lì davanti, il futuro europeo, insomma non è nelle loro mani.

Leggi anche:  Torino: dentro i giovani, bene con Singo ora tocca a Segre!

La zona retrocessione sembra essersi cristallizzata: difficilmente Verona, Frosinone e Carpi rimarranno in serie A un altro anno. Se le due squadre neopromosse stanno comunque giocando a viso aperto contro tutti gli avversari e stanno onrando alla grande la loro stagione in serie A, il Verona, reduce da due stagioni di alto livello, si è piegata su se stessa, vittima di un mercato non esaltante e della scarsa vena realizzativa delle sue punte Toni e Pazzini. Quello che fino a qualche anno fa sarebbe stato l’attacco più forte del campionato.

  •   
  •  
  •  
  •