Milan, il baby Locatelli in rampa di lancio. Sarà il nuovo Pirlo? (VIDEO)

Pubblicato il autore: Salvatore Balistreri Segui

Milan Locatelli Manuel
MILAN LOCATELLI DOPO NOCERINO– Ieri è arrivata, come da previsioni, la nota ufficiale della rescissione consensuale del contratto di Antonio Nocerino con il Milan. Il 30enne centrocampista lascia la Serie A dopo 247 presenze, 21 reti e 15 assist totali, di cui 96 partite, 13 gol e 6 assist con la maglia rossonera. L’addio di uno degli ultimi baluardi del Milan dello scudetto stagione 2010/2011 (ad oggi sono rimasti soltanto Abbiati, Abate e Boateng come reduci di quella rosa) che chiude la sua esperienza milanista per lasciare spazio a una nuova era, l’era di Manuel Locatelli.

MILAN LOCATELLI IN RAMPA DI LANCIO – Come ammesso dallo stesso amministratore delegato della parte sportiva del Milan Adriano Galliani ai microfoni di ‘Premium Sport’ poco prima del lunch match vinto domenica contro il Genoa, l’addio di Nocerino apre le porte della prima squadra al giovane Manuel Locatelli, 18 anni nativo di Lecco che di ruolo fa il regista e che tanto ha impressionato Sinisa Mihajlovic e i dirigenti del ‘Diavolo’ da far prendere loro la decisione di tirarsi fuori dalla corsa per Sensi e Mandragora nello scorso mercato di gennaio.

MILAN LOCATELLI, ECCO CHI E’ – Il giovane Manuel, seppur appena 18enne, può vantare già una grandissima esperienza del settore Milan. Approdato in rossonero dai pulcini dell’Atalanta quando aveva solo 11 anni, Manuel ha scalato rapidamente le gerarchie delle categorie giovanili, passando dagli Esordienti ai Giovanissimi prima, agli Allievi e alle Juniores poi, per approdare, infine, alla Primavera di Christian Brocchi della quale ne è diventato anche il capitano. Oltre a quella rossonera, Locatelli ha indossato spesso anche la maglia azzurra della Nazionale italiana Juniores, con la quale può vantare ben 38 convocazioni e 34 presenze ripartite tra le varie Under che vanno dalla 15 alla 19.

MILAN LOCATELLI E LE SUE CARATTERISTICHE – Come precedentemente detto, il Milan crede molto nel giovane Locatelli, sino al punto di voler abbandonare le piste che avrebbero portato a Sensi del Cesena e a Mandragora del Genoa (attualmente a Pescara). Mihajlovic ha avuto modo di visionare Manuel nel Trofeo Tim della scorsa estate, quando il ragazzo mise in mostra le sue qualità impressionando tutti e risultando uno dei migliori.
Le sue maggiori doti sono senz’altro la visione di gioco e la tecnica, potendo occupare sia la posizione di regista davanti alla difesa che quella di trequartista. Lui preferisce dimenarsi nel primo ruolo, ricordando in certe movenze quell’Andrea Pirlo che tanto stanno rimpiangendo tra le mura di Milanello.
Parlò cosi Mihajlovic di lui alla fine del Trofeo Tim: “A mio parere hanno fatto tutti bene, ma se devo fare un nome faccio quello di Locatelli – disse allora il tecnico serbo – mi è piaciuto tanto stasera. Si vedeva che era emozionato essendo alla sua prima apparizione, ma si sono subito viste le sue qualità e un ragazzo come lui in futuro potrà servirci tanto – continuava – ha i tempi di gioco e preferisce giocare semplice anche se deve migliorare giocando più spesso la palla in verticale. Ho apprezzato molto le sue qualità.
A quanto pare quel futuro a cui faceva riferimento Mihajlovic in questa intervista sembrerebbe essere già arrivato, cosi sin dal prossimo importantissimo posticipo di lunedì sera in quel di Napoli, Locatelli potrà essere disponibile a cominciare il suo sogno con la prima squadra, nella speranza di ripetere le gesta compiute dal suo mentore Pirlo con la casacca del ‘Diavolo’.

MILAN LOCATELLI, IL VIDEO – Ecco il video con alcune delle giocate di Locatelli.

  •   
  •  
  •  
  •