Napoli: difficoltà con le grandi e il digiuno di Higuaìn

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

napoli-milan-getty-visore.61344_big
Il Napoli non coglie l’occasione sorpasso e si blocca contro un solidissimo Milan, il quale, nonostante abbia una squadra non troppo inferiore a quella napoletana, ha deciso di barricarsi contro le iniziative d’attacco del Napoli, che ha molto da recriminare in termini di occasioni, in particolare il palo preso da Mertens. Quello delle squadre grandi che si mettano a fare il catenaccio sembra un trend abbastanza consueto: basti pensare alla Roma che si guadagnò un insperato 0-0 in casa del Napoli chiudendosi a riccio e ottenendo il punto prezioso; stessa cosa ripeté con la Juventus schiacciasassi di Allegri, ma lì non ebbe fortuna e dovette arrendersi al bel gol di Dybala. Sarebbe esagerato dire che lo stesso metodo lo usò la Juventus nella delicata sfida scudetto, ma nella partita ci furono diversi momenti in cui il possesso palla del Napoli costrinse a far arretrare la retroguardia bianconera, facendo fare la partita ai partenopei, ma alla fine le occasioni (poche) sono arrivate più dalle folate juventine e hanno determinato il risultato favorevole per i bianconeri.
Il Napoli ancora riesce a mettere in seria difficoltà le squadre che ha davanti, lo si è visto ieri, ma il nascente digiuno dal gol di Higuaìn può creargli grossi problemi, e inoltre c’è un altro dato che in questa seconda parte di campionato sta venendo fuori: il Napoli non riesce a battere le grandi. Non è successo col Milan, ha perso contro l’Inter in Coppa Italia, contro la Juve e contro il Villareal in Europa League (decisiva la sfida con gli spagnoli giovedì), considerando che deve ancora affrontare sfide difficili come Fiorentina, Roma e Inter, che gli stanno pure abbastanza vicine con i punti, gli conviene riprendere la grinta e concretezza che l’hanno condotto alla vetta della classifica e soprattutto, deve ritornare a segnare Higuaìn.

Leggi anche:  Serie A, Sassuolo Inter dove vederla in tv e streaming
  •   
  •  
  •  
  •