Rincorsa Champions: quattro squadre per un solo posto

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

Champions-League

Il big match di sabato ha visto la Juventus superare il Napoli, regalandoci un cambio di capolista che aggiunge pepe alla corsa scudetto. L’altra importante partita, giocata ieri sera, Fiorentina – Inter, ha invece acceso di più la corsa per un posto nei preliminari di Champions League. Ben quattro squadre sono in lizza per raggiungere l’ambito terzo posto, che al momento è in mano alla Fiorentina, resasi protagonista di un’ottima prova contro gli interisti, ieri. I viola sono forti di un centrocampo di qualità e con un attacco che sta soppesando il lungo digiuno del loro bomber Kalinic, grazie ai provvidenziali gol di Babacar e ad un rinnovato Mauro Zarate che, sebbene non abbia segnato, ha messo  il suo zampino per creare il gol del 2-1 fiorentino contro l’Inter. Squadra valida e con un comparto tecnico invidiabile, la fiorentina ha però dei limiti in difesa, la quale è spesso in apnea quando soffre gli attacchi avversari – non è un caso se Sousa si sia tanto arrabbiato per la mancanza dell’acquisto di un difensore nel mercato di gennaio – e gli farebbe comodo un centrocampista di rottura, data l’evidente fatica che mostra in fase di non possesso, nella  ha difficoltà a recuperare il pallone. La Fiorentina è anche impegnata in Europa League, trofeo al quale ci tiene e che le potrebbe togliere energie preziose per il campionato.
La Roma, distante solo due punti dai viola, è la pretendente più accreditata per il raggiungimento del posto Champions, forte delle sue quattro vittorie consecutive e del ritorno ad un gioco brillante, che si dimostra molto concreto in fatto di gol. Ci si mette anche il fattore attacco, il quale è notevolmente rinforzato dagli arrivi di El Shaarawy e Perotti e da un Salah tornato travolgente; se poi anche Dzeko, che finalmente si è sbloccato contro il Carpi, continuerà a segnare, allora avremo a che fare con una macchina da gol inarrestabile. L’unico pericolo della Roma è se stessa, con la stessa facilità nell’esaltarsi ed essere incontenibile nei momenti di forma essa può benissimo sdraiarsi e lasciarsi andare a risultati negativi, e qui diverrà ancora più importante la prova in Champions contro il Real Madrid: una batosta potrebbe danneggiarli con un grave contraccolpo psicologico. Comunque la Roma è in vantaggio anche dal punto di vista degli scontri con la Fiorentina (2-1 all’andata), quindi il match che si giocherà contro i viola il 4 marzo sarà più che rilevante nello scontro Champions.
Quattro punti nella venticinquesima giornata possono essere pochi o facilmente recuperabili, ma vedendo la condizione dell’Inter è come se fossero di più. Il gioco inconsistente della squadra di Mancini, soprattutto in attacco, è come è una palla incatenata al tallone, se aggiungiamo il fatto che ne centrocampo interista non c’è nessuno ad impostare la manovra come si deve, allora la missione di creare difficoltà alle avversarie è un miraggio e ormai, neanche le costanti buone prestazioni della difesa bastano a togliere le castagne dal fuoco. L’Inter può farcela solamente con una grande prova di forza che le permetta di vincere una buona serie di partite che gli possono ridare la sicurezza perduta e inoltre, deve sfruttare il fatto che non è impegnata in Europa. Discorso differente per l’altra sponda di Milano, dove il Milan di Mihajlovic sta facendo buoni risultati e si ritrova a due punti sotto i cugini, i quali sono già stati strapazzati al derby. Il Milan ha bisogno di un ulteriore salto di qualità per sperare di arrivare ai preliminari di Champions, ma con qualche certezza in più e qualche limatura da sistemare, ci può benissimo sperare e, al momento, ha più possibilità dell’Inter e può contare sulla vena realizzativa di Carlos Bacca, del quale ne avrà un estremo bisogno contro la quasi proibitiva sfida in casa del Napoli che si giocherà il prossimo lunedì. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, dove vedere Milan-Fiorentina: streaming e diretta tv