Compleanno Inter: 108 anni e non sentirli

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

inter

Il Football Club Internazionale, meglio noto come Inter, festeggia oggi il compleanno numero 108. Una storia lunga, lunghissima, che ha radici nel lontano 1908, quando 44 soci dissidenti del Milan Club si riunirono nel ristorante “L’Orologio” (dove abitualmente si riunivano gli intellettuali della città) e diedero vita ad un nuovo team di stampo “internazionale”.

L’idea era quella di creare una squadra aperta anche a calciatori stranieri, a differenza di quanto accadeva al Milan, dove era stato imposto il divieto a tesserare giocatori di altri paesi.
Fin da subito l’Inter ha iniziato a vincere, già nel 1909/1910 arrivò il primo scudetto, il primo di una lunga serie di successi tra i quali si possono annoverare: 18 scudetti, 2 Coppe Intercontinentali, 1 Mondiale per club, 3 Coppe dei Campioni o Champions League, 3 Coppe Uefa, 7 Coppe Italia e 5 Supercoppe Italiane. L’unico trofeo mai entrato nella bacheca nerazzurra è la Supercoppa Europea, disputata una sola volta nel 2010/2011 e persa per 2-0 contro l’Atletico Madrid.
I momenti migliori vissuti dal club meneghino sono senz’altro gli anni sotto la guida di Helenio Herrera e di Josè Mourinho, in cui la Beneamata ha fatto incetta di titoli.
Il tecnico argentino ha conquistato tre scudetti, due coppe dei campioni e due intercontinentali di fila (tra il 1963 e il 1965). Una vera e propria corazzata, a cui è stato affibbiato il sopranome di “Grande Inter“. Una formazione leggendaria, ancora oggi ricordata dal popolo interista.
Con lo Special One invece è arrivata la terza Champions League, la prima da quando il torneo ha cambiato formula. Inoltre il portoghese è riuscito a completare uno storico triplete vincendo nello stesso anno (2009/2010) anche la Serie A e la Coppa Italia, cosa mai riuscita a nessuno nella storia del calcio italiano.
Un motivo di vanto ed orgoglio, così come gli innumerevoli campioni, che hanno calpestato il prato di San Siro con questa casacca addosso: da Facchetti al fenomeno Ronaldo, da Javier Zanetti a Milito.Per quanto concerne i presidenti, l’Inter ne ha avuti ben venti, con un lungo corso della famiglia Moratti, prima con il padre Angelo e poi con il figlio Massimo.
Nel novembre 2013 però c’è stato il passaggio di consegne a Erik Thohir, ricco imprenditore indonesiano. Al momento non sono arrivate soddisfazioni con il nuovo presidente, ma il lavoro darà i suoi frutti, perchè una società così importante deve continuare a fare ciò che ha sempre fatto, ovvero vincere.
Dunque tanti auguri Inter e che siano ancora molteplici i tuoi trionfi.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Calendario Serie A 4° turno: quali match su Sky e Dazn?
Tags: