Eusebio Di Francesco e Walter Sabatini al posto di Mihajlovic e Galliani?

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Eusebio Di Francesco e Walter Sabatini al posto di Mihajlovic e Galliani?

Sembra ormai certo che l’allenatore del Milan Sinisa Mihajlovic a fine stagione se ne andrà, sebbene Silvio Berlusconi gli abbia lasciato qualche possibilità in caso di vittoria della coppa Italia. Il futuro di Miha è legato alla risalita in classifica per evitare di scendere in campo a luglio per i play-off, in questo modo il Milan dovrebbe rinunciare alla turneé nordamericana della International Champions Cup. Per non arrivare a tanto i rossoneri dovrebbero battere la Juventus all’Olimpico, cosa non facile ma neanche impossibile. Oltre all’allenatore, nella stagione 2016-1017 al Milan potrebbe cambiare anche il dirigente sportivo e arrivare Walter Sabatini al posto di Galliani. Ieri pomeriggio Adriano Galliani ha smentito la notizia, nonostante tra i due ci sia una grande amicizia che non escluderebbe l’ipotesi di lavorare anche insieme. Galliani e Sabatini sono stati già legati da alcuni affari, come quelli di Bertolacci ed El Shaarawy e i rapporti tra loro sono più che buoni. Lo scadenza del contratto di Sabatini alla Roma sarà a maggio prossimo e, sebbene Spalletti abbia detto di non volerlo lasciare andare via, le voci di mercato parlano di un probabile cambiamento.

Leggi anche:  Napoli, Gattuso minaccia le dimissioni: "Se le cose non cambiano posso pure andarmene"

L’allenatore del momento è Eusebio Di Francesco

Sulla prima pagina de La gazzetta dello Sport di stamattina campeggia il bel viso di Eusebio Di Francesco accanto alla notizia che viene inseguito dal Milan e dalla Fiorentina. Il tecnico del Sassuolo è riuscito a battere squadre di grande caratura grazie al suo modo di fare calcio, usando molte palle in verticale e gioco in profondità. Il suo modulo è rigorosamente il 4-3-3 e chi decide di giocare con lui deve adattarsi. Nato a Pescara nel 1969 ha giocato a calcio fino al 2005, militando nella nazionale italiana dal 1997 al 2000 dove ha segnato anche un gol. Ha iniziato la carriera da allenatore nel 2008 con la Virtus Lanciano, passando poi a Pescara, Lecce e Sassuolo nel 2012. La squadra quell’anno si è laureata campione d’inverno nel girone di andata con 48 punti e l’anno seguente ha vinto il campionato di serie B battendo 1-0 il Livorno e salendo per la prima volta nella sua storia nella massima divisione. Dopo diverse sconfitte è stato esonerato il 28 gennaio 2014, per rientrare a marzo al posto di Alberto Malesani, che aveva perso tutte e cinque le partite giocate. Grazie a lui il Sassuolo si è salvato, e quest’anno sta facendo un bellissimo campionato in settima posizione con 45 punti, 10 in meno della zona Europa.

  •   
  •  
  •  
  •