Frosinone-Fiorentina, Stellone: “Partita perfetta. Ora vincere fuori”

Pubblicato il autore: Simone Meloni Segui

Stellone
Il Frosinone ferma la Fiorentine al Matusa con una gara arcigna e pressoché perfetta sotto il punto di vista tecnico e agonistico. I giallazzurri, tuttavia, vengono scavalcati dal Carpi, vittorioso sul campo del Verona, e ora si ritrovano a un punto dal Palermo e proprio dagli emiliani.

Il tecnico ciociaro è soddisfatto della prestazione. “Abbiamo fatto una grande gara sotto tutti gli aspetti – dice – non abbiamo fatto una gara rinunciataria. Riuscire a creare così tante occasioni con loro non era assolutamente scontato. Il rammarico sta nel secondo tempo, quando con un pizzico di fortuna in più potevamo portare a casa addirittura il bottino pieno, se si pensa alla traversa di Kragl. Loro – continua . hanno avuto un’occasione clamorosa nel finale di primo tempo e poi quando si sono resi pericolosi è stato più grazie al caso che al gioco ma poi i pericoli li abbiamo creati noi. Ho visto gente uscire dal campo stremata a fine partita e tutti hanno dato il massimo per cercare di vincere, siamo sempre là e dovremo giocarcela fino all’ultima giornata”.

Leggi anche:  Udinese-Atalanta probabili formazioni: Muriel al fianco di Zapata in attacco?

Con la vittoria di Verona il Carpi ha scavalcato il Frosinone. “La classifica è cambiata ovviamente – dichiara – ma siamo sempre a ridosso della zona salvezza. Sempre un punto in più di Carpi e Palermo dobbiamo fare”. Su Ciofani: “E’ uscito preventivamente perché era stremato, ha fatto una vera e propria battaglia contro i loro difensori. Ho messo Tonev e non Dionisi perchè lo credevo più adatto alla situazione e perché il secondo in settimana ha avuto alcuni problemi fisici. Inoltre Tonev mi garantiva velocità nelle ripartenze e tiro da fuori”.

La sosta rappresenta un modo per fare quadrato. “Ci può tornare utile per recuperare, anche se bisognerà lavorare sodo per affrontare il Genoa. Non credo che l’impegno dei loro nazionali possa influire”. Su Frara e Gucher: “Frara ha sentito un dolore al flessore e sapremo solo domani cosa sarà. Gucher è entrato subito bene in partita ed è la dimostrazione di quanto questi ragazzi abbiano la testa sulle spalle”.

Leggi anche:  Serie A femminile, questo fine settimana si disputa la nona giornata

Infine: “Sappiamo che per salvarci dovremo fare almeno una vittoria fuori casa e almeno un paio di pareggi – evidenzia – e ovviamente anche in casa bisogna fare risultato, soprattutto se non arriveranno fuori.”

 

  •   
  •  
  •  
  •