Il Carpi espugna Verona ed infiamma la lotta per non retrocedere

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui
carpi
Una splendida punizione all’incrocio dei pali di Kevin Lasagna, regala al Carpi la vittoria sul campo dell’ormai spacciato Hellas Verona e rilancia le ambizioni salvezza degli emiliani, ora a pari punti col Palermo al quartultimo posto a quota 28 punti.
Ad aprire le marcature allo stadio Marcantonio Bentegodi è stato Antonio Di Gaudio al termine della prima frazione. La veemente reazione dei padroni di casa ad inizio ripresa porta al pareggio di Artur Ionita, ma poco dopo il capolavoro di Lasagna mette la parola fine sul match.
Questo successo oltre a cambiare il destino degli uomini di Fabrizio Castori (oggi sarebbero salvi), riapre in maniera definitiva la lotta per non retrocedere in Serie B, visto che nel giro di sei punti ci sono ben sette squadre, nella fattispecie: Atalanta, Torino (33 punti), Sampdoria (32) Udinese (31), Carpi, Palermo (28), Frosinone (27). A queste potrebbe aggiungersi anche il Genoa per ora a 34 punti in attesa della delicatissima sfida del San Paolo contro il Napoli.
Dunque se fino a poche settimane fa Carpi e Frosinone sembravano già retrocesse, ora possono realmente sperare di mantenere la categoria e di conseguenza compiere un autentico miracolo.
Nessuno infatti ai nastri di partenza avrebbe mai scommesso che le due rivelazioni della passata cadetteria potessero salvarsi in Serie A ed invece a otto giornate dal termine sono ancora in corsa.
Da ora in poi ogni punto sarà pesantissimo e potrebbe far la differenza, inoltre con questo andamento la presunta quota salvezza si dovrebbe alzare rispetto alle ultime stagioni e quindi è necessario varcare la soglia dei 40 onde evitare pericoli.
Gli scontri diretti giocheranno come sempre un ruolo determinate nel decretare i verdetti finali, ma giunti a questo punto bisogna provare a gettare il cuore oltre l’ostacolo e giocarsi le partite anche contro formazioni tecnicamente più attrezzate e blasonate.
La prossima giornata, ovvero la trentunesima, ha in serbo degli incroci davvero interessanti per le compagini coinvolte nella lotta per la sopravvivenza, ovvero Carpi-Sassuolo, Fiorentina-Sampdoria, Genoa-Frosinone, Inter-Torino, Atalanta-Milan, Chievo Verona-Palermo.
Tutte hanno degli impegni piuttosto difficili e per questo anche i pareggi assumono un’importanza estrema. Insomma sette squadre e due posti per l’inferno, chi saranno le cinque a rimanere in paradiso ? Al campo l’ardua sentenza.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Suarez caso politico, Paratici parlò anche con un ministro!