Juventus Sassuolo: la ricetta per affrontare il Bayern con il sorriso

Pubblicato il autore: Debora Stefani Segui

Juventus
JUVENTUS SASSUOLO – Nell’anticipo della decima giornata di campionato, venerdì 11 marzo, la Juventus ha sconfitto il Sassuolo per 1 a 0. La vecchia Signora vola così a +6 sul Napoli e sta a vedere se i partenopei sapranno tenere il passo per la lotta scudetto. Ma il sipario non è ancora calato sul mach di ieri e sugli spunti che ha lasciato, anche in vista del ritorno degli ottavi di Champions League con il Bayern Monaco di mercoledì 16.

JUVENTUS SASSUOLO – La prestazione della squadra nel complesso non ha deluso le aspettative; poche le occasioni concesse al Sassuolo, squadra ordinata, che gioca a memoria e che certamente è in grado di mettere in difficoltà le grandi. Basti pensare al girone di andata quando gli uomini di Di Francesco avevano inferto alla squadra di Torino una pesante sconfitta; oppure al recente successo sul Milan, infrangendo i sogni dei rossoneri di avvicinarsi al terzo posto.
Gli scarsi tentativi dei neroverdi, gravati dalle pesanti assenze di Defrel e Berardi, comunque, sono stati brillantemente contenutiti dal solito Gigi Buffon. Tra l’altro, il portierone bianconero e della Nazionale, rimanendo imbattuto, ha raggiunto 926 minuti a rete inviolata, superando Dino Zoff e mettendo nel mirino Sebastiano Rossi, che dista solo tre minuti.
Buoni, quindi, i segnali espressi dalla squadra di Allegri in vista della partita contro il Bayern Monaco; si è rivelata saggia la scelta del mister di giocare con tutti i titolari, Pogba a parte; anche perchè il tempo di recuperare per la gara di Champions c’è.

Leggi anche:  Acceso scontro in radio tra Cruciani e Maradona junior

JUVENTUS SASSUOLO – Ma anche dal punto di vista dei singoli l’allenatore bianconero può ritenersi soddisfatto.
Prima di tutto, si può coccolare il gioiellino Paulo Dybala, l’uomo della partita; con quella di ieri l’argentino ha già superato il suo record personale di reti in campionato, l’anno scorso con il Palermo si era fermato a tredici reti. Senza contare il fatto che, con 8 assist, ha partecipato al 43% dei goal realizzati dalla sua squadra. E i numeri con un Dybala così sono destinati a migliorare ancora. Si sprecano per lui i confronti con gli illustri predecessori nel reparto: il meraviglioso goal messo a segno nello scontro con il Sassuolo gli è valso il paragone con il mitico capitano della Signora, Alessandro Del Piero; ma la sua appartenenza alla Nazionale argentina e le sua capacità di trascinare la squadra alla vittoria, nonostante la giovane età, ha fatto rivivere a molti le stesse emozioni di quando al posto suo stava Carlitos Tevez.
Grande è stata anche la prestazione anche del compagno di reparto Mario Mandzukic, forse poco presente sotto porta, ma che ha condotto una gara fatta di grande sacrificio, tornando spesso a difendere e a recuperare palla. Il croato poi ha fatto spaventare i molti tifosi bianconeri: infatti il numero diciassette alla fine del mach si mostrava dolorante, facendo sospettare a tutti un possibile risentimento all’inguine. L’allarme sul giocatore è fortunatamente rientrato: Mandzukic potrà essere schierato contro il Bayern dal tecnico toscano.
Altro importante recupero potrebbe essere quello del difensore Giorgio Chiellini, che dovrebbe tornare in campo proprio all’Allianz Arena contro i tedeschi di Guardiola. Sarebbe una pedina in più per Allegri per blindare la porta di Buffon e andare all’assalto della qualificazione ai quarti di Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •