Rizzoli a Premium Sport: “Bonucci non mi ha dato nessuna testata”

Pubblicato il autore: Sabato Simone Del Pozzo Segui

caso bonucci rizzoli
Rizzoli
interviene ai microfoni di Premium Sport per spegnere, o almeno attenuare, le polemiche che riguardano il derby di domenica scorsa tra Torino e Juventus. Il clima è incandescente già dal post gara. Il primo a infuocare gli animi è stato proprio l’allenatore del Toro Giampiero Ventura, il quale non riusciva a capacitarsi di come certi episodi non vengano visti o sanzionati. I più clamorosi, senza dubbio, sono il mancato secondo giallo per lo juventino Alex Sandro che stende Bruno Peres in area di rigore e causa il rigore che verrà trasformato da Belotti, il gol di Maxi Lopez annullato ingiustamente per presunto fuorigioco dello stesso attaccante e la “testata” di  Leonardo Bonucci all’arbitro della gara Nicola Rizzoli.
Il dito è stato ovviamente puntanto proprio verso il signor Rizzoli e i suoi collaboratori che, per altro, rappresenteranno l’Italia nella prossima spedizione europea.
Intervistato da Premium Sport Rizzoli chiarisce: “Bonucci non ha dato nessuna testata… sia chiaro“. Tiene poi a precisare che “non ci si può far condizionare da una fotografia, guardando il video si capisce che non c’è alcuna testata. Bonucci protestava per il rigore con Irrati che era l’arbitro addizionale, io lo porto via. Lui continuava a protestare e io l’ho ammonito. È una cosa normalissima”.

Nicola Rizzoli spegne, per lo meno ci prova, le tantissime polemiche che lo vedono protagonista. Il fischietto della sezione di Bologna è nell’occhio del ciclone da qualche settimana, sempre in relazione alla Juve. Il suo infortunio prima di Juventus Napoli del mese scorso, delicatissimo incontro per il quale era stato designato, e il conseguente forfait, ha fatto storcere il naso a molti. Malpensanti in primis. Non è nuovo però il signor Rizzoli a interpretazioni particolari del regolamento. L’esempio è il triplice “vaffa” di Totti a Udine nel 2008 rivolto proprio al direttore di gara. In quell’occasione il capitano giallorosso prese solo il giallo come Bonucci la scorsa settimana.
Ma l’arbitro è critico e fa mea culpa affermando: “Non sono una persona che non pensa di commettere errori o di non sbagliare mai. Penso di aver fatto tutto quello che potevo fare, consapevole che in un paio di situazioni potevo gestire diversamente”.
Ammette dunque le sue colpe Rizzoli, sperando che ciò serva a raffreddare gli animi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, Eriksen a un passo dall'addio? Una big italiana è pronta ad accoglierlo a un prezzo 'scontato'...