Highlights Serie A 33° Giornata: Juve vicina allo scudetto, ma perde Marchisio. Verona quasi in B

Pubblicato il autore: Mario Massimo Perri Segui
Highlights serie a

Highlights serie a

Quattro le partite giocate alle 15.00 di domenica 17 aprile nella 33esima giornata di Serie A. Ecco il resoconto e gli Highlights serie A delle sfide pomeridiane:

Highlights – Fiorentina Sassuolo  3 – 1

https://www.youtube.com/watch?v=2tqyuEA2N9c
Vince la Fiorentina per 3 a 1 contro un Sassuolo discontinuo nel corso dei 90 minuti. Primo tempo a tinte viola, con i neroverdi che, comunque, possono recriminare per una clamorosa occasione fallita da Defrel al 28′. La squadra di Sousa passa in vantaggio al 9′ con Gonzalo Rodriguez, bravo a smarcarsi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Secondo tempo bellissimo al ‘Franchi’, con il Sassuolo che trova il pareggio al 55′ con Berardi e con la Fiorentina che ritrova il vantaggio dopo un minuto grazie ad uno strepitoso tiro al volo di Ilicic, che realizza il suo 13° gol in campionato. All’83’ arriva il pasticcio di Consigli che, su retropassaggio di un difensore sassolese, non aggancia il pallone ed è colpevole di un clamoroso autogol, che consegna la vittoria alla Fiorentina.

Fiorentina (4-2-3-1): Tatarusanu, Tomovic, G. Rodriguez, Roncaglia, M. Alonso, Vecino, Badelj, Tello (Bernardeschi al 70′), Ilicic (Zarate al 77′), Valero (Kuba all’89’), Kalinic All.: Sousa
Sassuolo (4-3-3): Consigli, Vrsaljiko(Adjapong al 73′), Cannavaro, Acerbi, Peluso, Pellegrini (Falcinelli al 76′), Magnanelli, Duncan, Berardi, Defrel Politano (Sansone al 69′) al All.: Di Francesco

Leggi anche:  Clamorso ritorno per la Juve?

Highlights – Juventus Palermo 4 – 0

https://www.youtube.com/watch?v=Px5iGhcfPeQ
Vita facile per la Juventus che batte 4-0 un Palermo in crisi nera. Juve in vantaggio dopo il primo tempo: dopo 10′, infatti, Khedira riesce ad arpionare e a spingere in rete un perfetto lancio di Pogba. Tuttavia, a tenere banco – in casa bianconera – è l’infortunio di Marchisio, uscito in barella dopo 16′ con le mani al volto. Si pensa ad un grave infortunio al ginocchio. Alla ripresa del gioco i bianconeri danno l’impressioni di scendere in campo spensierati e trovano altri due gol: prima con Pogba, che – al 70′ – sfrutta le esitazioni difensive sul calcio d’angolo battuto da Cuadrado; successivamente proprio con il colombiano, bravo ad appropriarsi del pallone (dopo un errore in disimpegno dei rosanero) e a dribblare Lazaar prima di concludere a rete al 73′. Di Padoin, all’89’, il quarto gol juventino (su assist di Morata).

Juve (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Rugani, Cuadrado, Khedira, Marchisio (Lemina al 16′), Pogba, Evra, Dybala, Mandzukic All.: Allegri
Palermo (3-5-2): Sorrentino, Goldaniga, Gonzalez, Andelkovic, Rispoli, Hiljiemark, Jajalo, Chochev, Lazaar, Vazquez, Trajikovsky All.: Ballardini

Claudio Marchisio, uscito in barella a causa di un brutto infortunio al ginocchio

Claudio Marchisio, uscito in barella a causa di un brutto infortunio al ginocchio

Udinese – Chievo 0 – 0

Finisce 0-0 al ‘Dacia Stadium’ una partita senza grossi scossoni. Due occasioni in totale nel primo tempo, una per parte: al 21′ Duvan Zapata si fa ipnotizzare da Bizzarri, mentre al 44′ è bravo Karnezis a neutralizzare il tentativo di tap-in di Inglese. Secondo tempo sulla stessa falsariga del primo, con le squadre che danno l’impressione di non voler infierire. Da segnalare, inoltre, un’espulsione per parte: Felipe per l’Udinese (per una manata ai danni di un giocatore clivense a gioco fermo) e di Meggiorini per il Chievo.

Leggi anche:  Mourinho chiama Sergio Ramos, la Roma tenta il colpo

Udinese (3-5-2): Karnezis, Wague, Danilo, Felipe, Widmer, Badu (Halfredsson al 50′), Kuzmanovic, Fernandes (Heurtaux all’89’), Pasquale (Adnan al 56′), D. Zapata, Thereau All.: De Canio
Chievo (4-3-1-2): Bizzarri, Cacciatore, Gamberini (Spolli al 75′), Cesar, Gobbi, Hetemaj, Radovanovic, Castro, Birsa (Pepe al 69′), Inglese (Floro Flores al 64′), Meggiorini All.: Maran

Highlights – Verona Frosinone 1 – 2

https://www.youtube.com/watch?v=QIqZKfqmAqQ
Importantissimo scontro salvezza quello andato in scena oggi al ‘Bentegodi’. Il Frosinone riesce ad acciuffare la vittoria al 92′, grazie ad un colpo di testa di Frara, bravo a sfruttare un cross dalla destra di Paganini. Verona praticamente condannato alla serie B dopo questa sconfitta. Manca ancora la certezza matematica, ma gli scaligeri, difatto, hanno un piede e mezzo nella categoria cadetta.  Dopo un primo tempo dominato dal Frosinone, che passa in vantaggio al 15′ con il primo gol in Serie A di Adriano Russo (bravo a battere a rete di prima intenzione dopo una mischia su calcio d’angolo), il Verona si rifà sotto al 63′ con Bianchetti, abile a saltare di testa dopo un corner, ma il gol di Frara allo scadere condanna i veronesi verso quella che sembra essere una sentenza definitiva.

Leggi anche:  Euro2020, per ora comanda la Serie A: 18 gol su 50 arrivano da calciatori "italiani"

Verona (4-2-3-1): Gollini, Pisano, Bianchetti, Helander (Moras al 21′), Albertazzi (Wszolek all’80’), Ionita, Viviani, Jankovic (Pazzini al 46′), J. Gomez, Emanuelson, Toni All.: Delneri
Frosinone (4-3-3): Leali, Rosi, Russo, Pryima, Crivello, Gori (Carlini al 71′), Gucher (Soddimo all’86’), Frara, Paganini, Ciofani, Kragl (Chibsah al 46′) All.: Stellone

  •   
  •  
  •  
  •