Napoli Sarri ai titoli di coda? Con De Laurentiis non sono più rose e fiori

Pubblicato il autore: Mario Massimo Perri Segui

L’ottima stagione – sin qui – disputata dal Napoli potrebbe non essere sufficiente per la riconferma di Maurizio Sarri il prossimo anno. Il presidente De Laurentiis, infatti, non appare molto soddisfatto di come i partenopei stiano concludendo la stagione e potrebbe decidere, in caso di mancato secondo posto, di non rinnovare il contratto (in scadenza a giugno) all’allenatore capace di stupire tutti per gran parte del campionato. L’obiettivo di Higuain e compagni è, adesso, solo quello di vincere le restanti tre partite, così da non dare modo alla Roma di poter scavalcare gli azzurri. I giallorossi, reduci dalla vittoria proprio contro i secondi in classifica, sono in un buon momento di forma, trascinati – soprattutto – dal loro capitano, Francesco Totti, in grado di decidere, da subentrato, le ultime tre partite giocate dalla Roma.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: individuato il nuovo portiere, primo contatto per acquistare il vice Lukaku
Napoli Sarri: storia già finita?

Napoli Sarri: storia già finita?

Napoli Sarri e la querelle con De Laurentiis

A dire il vero, nel corso della sua prima stagione al Napoli Sarri ha avuto poco da ridire circa l’operato della società. Tuttavia, sembrerebbe che l’allenatore dei partenopei non abbia molto apprezzato la scelta di De Laurentiis di non dargli pubblicamente fiducia nel momento clou del campionato. Per di più, Sarri imputa al suo presidente di non aver rinforzato la squadra durante il mercato di riparazione, quando il Napoli si trovava al primo posto in classifica. Secondo il tecnico del Napoli Sarri, infatti, i mancati rinforzi sarebbero stati la causa principale della debàcle azzurra, mentre De Laurentiis darebbe la colpa proprio al suo allenatore, reo di non avere effettuato il turn-over, facendo arrivare – di conseguenza – la squadra stanca per il finale di stagione. Alla luce di questi fatti, i rapporti tra i due sarebbero ai minimi storici e il rinnovo contrattuale sembrerebbe, al momento, tutt’altro che scontato. Sarri, comunque, potrebbe decidere di rinnovare se De Laurentiis gli offrisse uno stipendio più alto (al momento guadagna 700mila euro) e se gli garantisse un mercato che renderebbe il Napoli competitivo per la Champions League.

Leggi anche:  Inter, piove sul bagnato. Altra mazzata per la società

Napoli Sarri, cosa potrebbe succedere se l’allenatore lasciasse la panchina?

Il mancato rinnovo di Sarri vorrebbe dire, per il Napoli, ricominciare da capo, proprio come successo quando De Laurentiis ingaggiò l’ex tecnico dell’Empoli. Una scelta che, probabilmente, i tifosi (innamorati di Sarri) non condividerebbero. Inoltre, l’addio dell’allenatore cambierebbe, quasi certamente, le carte in tavola in sede di mercato per i partenopei: sarebbe, infatti, molto probabile l’addio di Higuain, che ha trovato in Sarri il suo mentore. In aggiunta, potrebbero fare le valigie Callejon, Allan, Jorginho e Hysai, che hanno moltissime richieste in Italia e all’estero.

  •   
  •  
  •  
  •