Roma: Sabatini “Passo falso, ma non dobbiamo drammatizzare!”

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui

Roma 04-02-2015 Conferenza stampa di Walter Sabatini, foto Di StasiGMT

Bergamo si rivela sempre una trasferta amara per la Roma, che trova l’ennesimo stop contro l’Atalanta e viene presa per mano da Capitan Totti, autore del gol del pareggio che mantiene l’imbattibilità dei giallorossi. Onore agli atalantini, i quali avrebbero potuto fare il colpaccio da tre punti senza problemi contro una Roma troppo distratta in fase difensiva e, per la prima volta dal subentro di Spalletti, in evidente difficoltà. Non solo la Roma non ha approfittato pienamente della sconfitta del Napoli contro l’Inter, ma ha mostrato segni di un calo fisico che al momento non si potrebbe permettere, soprattutto con l’Inter in netta ripresa e a quattro punti di distacco.
Il Ds Sabatini a Sky afferma che questo pareggio è un “passo falso” e potrebbe compromettere seriamente la corsa Champions della Roma: ” “È il caso di dire che oggi è stato una specie di zibaldone calcistico. Ne abbiamo viste di tutti i colori. Oggi è la prima volta nella gestione di Spalletti che la squadra si smarrisce così in campo, ne dobbiamo prendere atto, il mister troverà immediatamente i rimedi. Non dobbiamo drammatizzare, anche se siamo coscienti che è stato un passo falso importantissimo. Bisogna avere la serenità, ammesso che la ritroveremo in fretta perché dovremo farlo per ripartire sapendo qual è il nostro obiettivo imprescindibile“.
Giusta l’analisi del Ds, la Roma oggi si è smarrita, rilassandosi fin troppo dopo il veloce doppio vantaggio, e a Spalletti toccherà porre rimedio, magari con una bella lavata di capo e con la richiesta di maggior attenzione nelle prossime partite. Sabatini non si è certo risparmiato nel lodare le ottime prestazioni del Capitano e la sua gestione da parte di Spalletti: “Devo dire bravo al mister. Lo sta facendo giocare con pieno merito e Francesco sta rispondendo perché sono già due partite che mette un sigillo. Bisogna dare atto al giocatore, e all’allenatore che lo fa giocare, che sta facendo cose importanti in questo momento“. Il direttore sportivo romanista sta per lasciare la società, ma forse i suoi ultimi consigli ancora rimangono ascoltati da Pallotta, e uno di questi potrebbe essere quello di concedere una proroga di un altro anno al Capitano, che può ancora rivelarsi, non utile, ma ancora decisivo per la Roma del prossimo anno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Roma, Mourinho è stato decisivo: scelto il nuovo portiere