Squalifica Higuain, oggi la sentenza definitiva: i 3 punti della difesa azzurra

Pubblicato il autore: Gennaro Esposito Segui

la difesa del Napoli per salvare Higuian

SQUALIFICA HIGUAIN. Oggi è un giorno fondamentale per il Napoli e i suoi tifosi: alle ore 12 si svolgerà infatti l’udienza per decidere sul ricorso presentato dal Napoli e volto a ridurre, almeno di due giornate, la squalifica inflitta a Gonzalo Higuain dopo i fatti di Udine di due settimane fa.
Il Napoli saprà quindi se potrà fare affidamento sull’attuale bomber del campionato già a partire dalla sfida contro il Bologna o se invece dovrà farne a meno per altre due partite: dato per scontato che Higuain salterà l’anticipo contro l’Inter di domani sera, per gli azzurri sarebbe fondamentale riuscire ad averlo a disposizione almeno per lo scontro diretto contro la Roma del 25 aprile, che costituirebbe l’ultima giornata di squalifica del Pipita. Gabbiadini ha dimostrato contro il Verona di poter sostituirlo egregiamente, ma è indubbio il valore e l’importanza di un giocatore da 30 e passa gol in stagione: la squalifica lo ha fermato proprio mentre Higuain si apprestava a battere il record di Nordahl e a giocarsi la Scarpa d’Oro, riconoscimento tra i più importanti in assoluto.

La difesa del Napoli, guidata dall’avvocato Grassani, verterà essenzialmente su tre punti fondamentali:

1) L’espressione “Vergognoso”. Irrati nel referto ha attribuito a Higuain questa parola, classificandola come comportamento irriguardoso nei confronti dell’ufficiale di gara. Una delle quattro giornate di squalifica è dovuta proprio a questa espressione: su questo argomento sarà decisiva proprio la presenza di Higuain, che dovrà spiegare davanti ai giudici che l’aggettivo era rivolto alla situazione in generale e non all’arbitro in particolare, come scritto nel referto post-gara.

2) Il contatto con Irrati. Nelle immagini si vede chiaramente Higuain portare le mani al petto di Irrati con l’intento di allontanarlo: il Napoli proverà a dimostrare come questo gesto non sia stato violento e che Higuain in realtà ha voluto allontanare Irrati, avvicinatosi a sua volta, con l’intento di evitare lo scontro. Sarà vietato però utilizzare del materiale video: la difesa azzurra si baserà su dei fotogrammi e verrà chiesta anche la possibilità di contattare telefonicamente Irrati.

3) Il comportamento di Badu. Il Napoli proverà a dimostrare come Badu faccia notare al compagno di squadra Danilo che Felipe, il difensore che ha subito il fallo che ha portato all’espulsione di Higuain, ha provocato il bomber argentino dandogli un calcio. Anche in questo caso verranno usati dei fotogrammi.

  •   
  •  
  •  
  •