Strootman sceglie il suo “Dream Team”

Pubblicato il autore: Lorenzo Matricardi Segui
Strootman
Ha ormai terminato il percorso volto al suo definitivo recupero fisico Kevin Strootman, che ormai deve solo ritrovare un po’ di continuità in campo per raggiungere un’ottimale condizione atletica e tornare il campione che tutti ricordano. Nel frattempo il numero 6 giallorosso, intervistato dal sito ufficiale della Roma, ha composto l’undici titolare dei migliori giocatori con i quali abbia mai condiviso lo spogliatoio. Strootman ha dichiarato: “Schiero un 3-4-3, è un po’ offensivo ma a me piace così! Io mi metto in panchina, come primo cambio. E poi mi porto anche Morgan (De Sanctis, ndr), come secondo portiere”. Queste dunque le scelte di Strootman:
Van der Sar

“È l’unico di questa lista con cui non ho mai giocato. Ha vinto quasi tutto, purtroppo non il Mondiale. È un connazionale, ha fatto bene ovunque ed è uno dei migliori portieri che io abbia mai visto”.

 

Maicon

“Vi avevo avvertito sarebbe stato un team offensivo e infatti metto Maicon nei tre in difesa! È un campione, fuori dal campo e dentro il campo. Aiuta sempre i compagni e la squadra. Ha vinto praticamente tutto e non posso non scegliere un campione come lui”.

Benatia

“Durante il mio primo anno alla Roma Mehdi è stato uno dei migliori in Italia, poi è andato all’estero ma rimane uno dei difensori centrali più forti con cui io abbia mai giocato”.

 

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Torino-Lazio: streaming e diretta tv DAZN o SKY?
Castan

“Assieme a Benatia guidava la difesa alla mia prima stagione alla Roma. Con loro al centro della linea arretrata nelle prime dieci partite abbiamo preso soltanto un gol. Spero che possa tornare a quei livelli: io quel Leo lì lo conosco e parliamo di un calciatore sensazionale. Sta lavorando tanto per tornare in forma, come sto facendo io. Ha avuto un intervento più grave, ma sono sicuro che potrà tornare a giocare come sa fare”.

 

Wesley Sneijder
“Ci ho giocato in Nazionale e non serve dire molto su di lui: anche in Italia ha dimostrato le sue qualità all’Inter ed è uno dei migliori che c’è in quel ruolo”.
Mark Van Bommel
“Abbiamo condiviso un anno al PSV oltre alla Nazionale: mi ha aiutato subito ed è anche un grande uomo fuori dal campo. Pensa solo al bene della squadra, non è importante la sua prestazione: se si prendono tre punti è contento”.
De Rossi

“Daniele pensa solo al bene della squadra e insieme a Checco è il nostro capitano: aiuta tutti, gioca qui da sempre, sa come funzionano le cose. Ha tante qualità e giocare con lui è molto più facile, fa quel ruolo davanti alla difesa come pochi e aiuta tantissimo tutti”.

 

Leggi anche:  Inter, seconda solo al Bayern: media gol clamorosa in Europa
Pjanic

“Lo metto a sinistra, ma i ruoli del mio centrocampo sono intercambiabili! Lo conoscevo prima di venire a Roma, perché ho visto sue tante partite al Lione, per esempio quando segnava al Bernabeu contro il Real Madrid. Giocatore di qualità, sia qui sia in Nazionale ha dimostrato tutto quello di cui è capace. È come Sneijder, con la palla ai piedi è incredibile”.

 

Arjen Robben

“Schiero Arjen a destra, è fortissimo e quando abbiamo affrontato il Bayern Monaco qui lo abbiamo visto. Ci ho giocato in Nazionale, purtroppo poco perché o io o lui eravamo infortunati. Gran piede sinistro: se ha la palla è sempre pericoloso”.

 

Robin Van Persie

“Lo schiero a sinistra nel mio tridente di attacco. Ci ho giocato in Nazionale, dove era capitano. Tutte le cose che fa lui sembrano semplici. Grande qualità, un grande uomo. Ci vediamo anche fuori dal campo ogni tanto, viene da Rotterdam come me”.

 

Leggi anche:  Serie A, Sampdoria-Napoli: streaming e diretta tv DAZN o SKY?
Totti
“Il nostro Capitano è la mia punta. Purtroppo non sono venuto qui dieci anni fa per poter giocare di più con Checco. È un campione. Ha vinto uno Scudetto a Roma, un Mondiale. È sempre un piacere giocare con lui, che sia in partita o in allenamento: mostra in ogni occasione le sue qualità. Quando ero giovane avevo la sua maglia, come molti. È ancora strano giocarci insieme, tanto rispetto per lui: non potrebbe restare fuori da questa squadra”.
  •   
  •  
  •  
  •