Totti, la sua posizione divide il popolo di Roma

Pubblicato il autore: Stefania Lo Re Segui

FROSINONE, ITALY - SEPTEMBER 12: Francesco Totti of AS Roma looks on during the Serie A match between Frosinone Calcio and AS Roma at Stadio Matusa on September 12, 2015 in Frosinone, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Totti resta e resterà nella storia, a prescindere dal suo futuro. La bagarre di queste ultime settimane però scuote il mondo giallorosso. Non è da tutti far parte della storia, figuriamoci diventare leggenda. Come la sua città, per definizione eterna, Francesco Totti sfidando il tempo si è regalato l’immortalità calcistica. Come se già non bastasse, l’unicità dei suoi venticinque anni giallorossi, in tre minuti ha sfidato e vinto l’impossibile. La sua doppietta ha fatto il giro del mondoe fatto impazzire un popolo intero, da tempo straziato al solo pensiero del suo addio.Come un macigno quell’addio si avvicina sempre più. Anche l’eroica impresa dell’altra sera contro il Torino ha un risvolto strano e amaro: la società non rinnoverà il contratto al Capitano. L’estenuante dibattito che da mesi logora e, soprattutto, divide è destinato, salvo clamorosi colpi di scena, a proseguire. Questo è il grande rammarico. Roma è pur sempre Roma, infatti, si avvelenano l’esistenza. Tifosi e critica si dividono, Spalletti diventa il nemico, come o più della società, mentre la squadra si smarrisce, come se aspettasse di essere salvata dal suo eroe. Il conto alla rovescia, iniziato da mesi, sta per terminare, il tempo è ormai scaduto. Errori, anche se in parti diverse, li hanno fatti tutti i protagonisti, e non ci si può ridurre a un duello Totti-Spalletti. Il tecnico ha un compito ingrato,male sue continue esternazioni, pre e post gara, ne hanno peggiorato la posizione. Per molti è lui a non volere più Totti nella Romadel futuro. Questa non è l’atmosfera migliore per chiudere il campionato e, soprattutto, lavorare per una Roma competitiva nel prossimo anno. Questo clima, nonostante i risultati positivi, ha già minato il feeling con Spalletti. Se in queste settimane il tecnico ha esagerato nelle spiegazioni sull’impiego e l’apporto di Totti, quantomeno non si è nascosto o trincerato dietro frasi di circostanza. Roma e la Roma sono destinate a lacerarsi  e a discutere nelle divisioni e nei dibattiti sul futuro di Totti per le prossime settimane, se non per mesi. Una cosa è certa: domenica otto maggio alle 12.30 contro il Chievo sarà l’ultima gara della Roma all’Olimpico di questo campionato. Il consiglio è di non mancare l’appuntamento, sperando che il Presidente Pallotta pensi bene alla decisione da prendere, per salvaguardare un’istituzione come Francesco Totti.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Moggi: "La Juve non ha mai alterato i risultati, lo hanno fatto le altre squadre. L'Inter senza Conte..."