Indagine Napoli Frosinone, aperta un’inchiesta sul rosso a Gori

Pubblicato il autore: Giovanna Samanda Ricchiuti Segui

Indagine Napoli Frosinone
È il minuto 13 del primo tempo di Napoli Frosinone, ultima di campionato giocata sabato 14 maggio 2016 alle 20,45, quando Gori, centrocampista del Frosinone, si fa espellere dal giudice di gara Celi per avere calciato il pallone addosso a Insigne che era a terra per aver subito un fallo di gioco. Sembrerebbe tutto normale, con le proteste del giocatore stupito del rosso e il suo abbandono del campo che lascia i suoi in 10, ma non è così: nella giornata di sabato, a poche ore dal fischio d’inizio, nella zona del frusinate, in molti avevano scommesso grandi somme, qualche centinaio di euro, sull’espulsione di un giocatore degli ospiti.
A far scattare l’allarme sono state scommesse spezzettate, ovvero più scommesse giocate in diverse agenzie a distanza di pochi minuti l’una dall’altra che non superavano le mille euro, somma oltre la quale viene richiesto un documento di riconoscimento per riscuotere. Il totale dei soldi scommessi si aggira sui 15mila per vincite potenziali da 50mila euro.
Fabio Felici, direttore dell’Agimeg (Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco) aveva lasciato alcune dichiarazioni alla redazione di CalcioNapoli24 pochi giorni dopo il match: “Tre agenzie, tutte del territorio Frusinate, hanno subito bloccato questo tipo di scommesse: Intralot, Eurobet e Goldbet. Su quest’ultima ci sono state puntate pari a cinquemila euro, su Intralot ed Eurobet somme ancora più elevate. In totale, sommando anche le quote delle altre squadre base, c’è stata una vincita di oltre duecentomila euro. Partiranno immediati accertamenti, in quanto le stesse agenzie hanno contattato immediatamente i Monopoli di Stato per congelare la riscossione delle vincite. A questo punto entrerà in gioco anche la Polizia di Stato nonchè la FIGC“.
E così è stato: a distanza di cinque giorni, l’episodio è ancora un tema caldo tanto da far aprire un fascicolo di indagine da parte della Procura federale. Sul sito ufficiale della FIGC, si trova il comunicato ufficiale relativo a questa questione: “La Procura federale, a seguito di segnalazione pervenuta da AAMS, ha aperto un fascicolo di indagine in relazione a un flusso anomalo di scommesse sulla gara di Serie A Napoli-Frosinone, disputata il 14 maggio scorso.”

Leggi anche:  L'Atalanta blinda il suo Pessina (e allontana le big) fino al 2025: progetto nerazzurro a lungo termine
  •   
  •  
  •  
  •