Totti 600 nella giornata degli addii

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

Totti-60037esima e penultima giornata di campionato 2015/2016 di Serie A all’insegna dei record e degli addii

Doveva essere la giornata di Totti e in parte lo è stata. Il capitano giallorosso, arrivato alla 600esima in serie A con la squadra della Capitale, entra come di consueto nel secondo tempo e si ripete uomo assist per il terzo gol della Roma che vince 3-0 contro il Chievo. Il giocatore gladiatore che è riuscito a portare allo stadio, nell’ultima prestazione stagionale casalinga della Roma, oltre 60.000 spettatori, si regala una giornata trionfale per se e per i tifosi. Il bacio glamour con la moglie Ilary Blasi, i figli in campo, la giornata calda e non solo emotivamente, l’abbraccio dei compagni per una meravigliosa giornata di festa.
Tanti spettatori perché non è ben chiaro se sia stata o meno l’ultima prestazione in serie A per il Pupone, il Francesco Totti, patrimonio della squadra e della città.
Rimane ancora qualche flebile dubbio sul rinnovo ma l’idea è che alla fine l’accordo si trovi e l’addio sia rimandato almeno di un altro anno.
Addio che invece hanno vissuto, contemporaneamente altre piazze e altri giocatori.
Tre capitani tre lasciano e salutano il proprio pubblico acclamati dai propri tifosi festanti.
C’è chi ha dato “semplicemente” addio alla propria squadra, Manuel Pasqual e la Fiorentina, e chi invece saluta per porre fine alla propria carriera da giocatore, Toni a Verona e Bellini a Bergamo.
manuel-pasqual_fiorentina (2)  Dopo undici anni di Fiorentina, Manuel Pasqual lascia i colori viola: “Ringrazio tutta la gente per l’affetto nei miei confronti, mi sarebbe piaciuto chiudere la carriera qui”.
Il contratto del terzino in scadenza il prossimo giugno, non verrà rinnovato dalla società gigliata che gli ha comunicato in settimana questa decisione.
Contro il Palermo ha avuto modo di disputare la sua ultima partita davanti ad i tifosi viola, che gli hanno tributato una vera e propria standing ovation quando l’allenatore Sousa l’ha richiamato in panchina al minuto 60 per far spazio a Marcos Alonso. Visibilmente emozionato, Pasqual ha salutato tutta la sua gente, in lacrime per l’addio di quella che può essere tranquillamente definita come una bandiera della squadra toscana. Intervenuto ai microfoni di Premium Sport ha poi dichiarato: “E’ stata un’emozione incredibile, in tribuna c’era anche mia moglie con i miei figli e quindi è stato tutto più speciale. Io sono una persona molto
emotiva e il fatto di non sapere ancora dove giocherò il prossimo anno mi crea molto fastidio”.
Qualche piccolo rimpianto: “A 34 anni è logico che uno pensa alla possibilità di chiudere la carriera in una squadra, naturalmente mi sarebbe piaciuto molto restare. Io però accetto la scelta e ringrazio tutti per il grande affetto ricevuto”.
Pasqual-fiorentina (1)
Per Bellini, addio da sogno al Comunale “azzurri d’italia” di Bergamo.
bellini_ultima_atalantaGiornata di festa per tutti: lo storico capitano, che è diventato l’atalantino con più presenze in serie A insieme ad Angeleri (281 partite), si è congedato dal Comunale segnando al 19’ pt su rigore il gol dell’1-1 contro l’Udinese, risultato che ha salvato aritmeticamente i friulani. Bellini è stato sostituito al 7’ st da Toloi e tutto lo stadio si è alzato in piedi per applaudire il terzino di Sarnico che ha trattenuto a stento le lacrime.
Luca-Toni-addio
Lacrime che non è riuscito a trattenere neanche il gigante Luca Toni che ha bagnato la sua prestazione con il gol su calcio di rigore contro la Juventus, già campione d’Italia.
Verona retrocesso ma comunque grato a un campione che si è saputo ritrovare con l’Hellas a suon di gol e titolo di capocannoniere della passata stagione.
Luca, Campione del mondo e nella vita.
Una giornata memorabile, in attesa che anche un altro campione, Totò Di Natale, saluti il pubblico del Friuli, con l’Udinese già salva, domenica prossima con il Carpi.

  •   
  •  
  •  
  •