Milan, arriva Montella: cambio modulo e tanto possesso palla per tornare grandi

Pubblicato il autore: luca giannuzzi Segui

Montella nuovo allenatore del Milan
E’ Vincenzo Montella il nuovo allenatore del Milan: in attesa di conoscere con esattezza il futuro societario, è pronta ad iniziare l’ennesima rivoluzione per i rossoneri, con l’obbiettivo di tornare ai vertici sin da subito.

MILANO – Dopo una breve trattativa, il Milan ha ufficializzato nella serata del 28 giugno l’ingaggio di Vincenzo Montella, arrivato dalla Sampdoria: i rossoneri hanno evitato di pagare la clausola per l’ex allenatore doriano, facendo firmare al nuovo tecnico un contratto biennale. Storia di un amore che finalmente si è concretizzato, dopo che entrambi si sono cercati per anni. Adesso può finalmente nascere il nuovo Milan, italiano sul campo e cinese dietro la scrivania, con il nuovo condottiero Montella, pronto a riportare la società meneghina nell’élite del calcio italiano.

CAMBIO TATTICO – La rivoluzione tecnica inizierà dal cambio di modulo, tant’è che il tecnico ex di Fiorentina e Sampdoria è pronto a vagliare il 4-2-3-1, con il 4-3-1-2 o il 4-3-3 come prime alternative. Sebbene abbia spesso schierato in blucerchiato la difesa a tre nella parentesi doriana, Montella dovrebbe puntare su quella quattro, visto l’esiguo numero di centrali difensivi. I veri cambiamenti si avranno a centrocampo, con l’aeroplanino che dovrebbe puntare sul duo Kucka-Montolivo davanti alla difesa, o con l’inserimento di una mezz’ala che ha gamba a scelta tra Poli e Bertolacci; nel reparto avanzato, in caso di 4-2-3-1, saranno Suso o Honda, Bonaventura e il fuoriclasse che porterà il mercato a comporre il terzetto alle spalle di Bacca, o di Lapadula in caso di addio del colombiano.

Leggi anche:  Coppa Italia, sorteggi ottavi: Juve-Genoa, Milan-Torino

POSSESSO PALLA E TREQUARTISTA – Che sia 4-2-3-1 o 4-3-1-2, è il trequartista puro l’elemento in comune tra i due moduli. Si tratterebbe quasi di un ritorno al passato, nonostante nella passata stagione il Milan abbia provato (inutilmente) a puntare su Honda o Boateng, ormai lontano dagli anni dei successi in rossonero, ad ispirare le punte. La speranza di Montella è che Galliani possa trovare gli elementi giusti, quei giocatori dai piedi buoni ma allo stesso tempo con tanta fantasia e tanta corsa, in grado di cambiare il volto del futuro Milan: possesso palla e fantasia sono infatti i marchi di fabbrica dell’allenatore napoletano, i cui esiti positivi si sono notati sin dai tempi dell’esperienza catanese dell’aeroplanino. I tempi di Kakà, Pirlo, Seedorf, Sheva sembrano troppo lontani, ma crederci non costa nulla.

Leggi anche:  Probabili formazioni Milan Fiorentina: rossoneri che faranno ancora a meno di Ibra

INIZIA IL MERCATO DEL MILAN, COL DUBBIO BACCA – Nonostante le incertezze societarie, il Milan è già alla ricerca di giocatori funzionali al progetto del tecnico Montella. C’è una squadra da rifare e una reputazione da ricostruire, perciò, dopo Lapadula, sono Pjaca, Ranocchia, Soriano e Baselli i primi obbiettivi individuati, con Borja Valero il sogno. Inoltre resta ancora da definire la posizione di Bacca, in bilico se restare a Milano o meno: l’Atletico Madrid avrebbe già recapitato un’offerta da 30 milioni ai rossoneri.  In attesa di sciogliere le ultime riserve, il Milan di Montella, almeno nelle idee, inizia già a prender forma.

IL MILAN 2016/2017 OGGI:

Probabile formazione (4-2-3-1) – Donnarumma; Abate, Romagnoli, Zapata, Antonelli (De Sciglio); Montolivo, Kucka (Poli); Suso (Honda), ? trequartista, Bonaventura; Bacca (Lapadula). Allenatore: Vincenzo Montella.

  •   
  •  
  •  
  •