Apertura di Ferrero a Cassano: “Ha rifiutato un ruolo da dirigente. Ci darà una mano”

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

 

massimo-ferrero-sampdoria_18jydnlo5jwbw1osibpy3mambvContinua la telenovela Ferrero-Cassano. Dopo le dichiarazioni degli ultimi giorni del presidente blucerchiato, il numero 99 non ci sta, e pare voglia far valere il proprio contratto, che andrà in scadenza nel 2017. Ciò significa che, a meno di ulteriori sviluppi, per quanto la Società abbia fatto intendere che il giocatore non farebbe parte del nuovo progetto sportivo, Antonio Cassano potrebbe restare sotto la Lanterna.

Queste le parole del patron Massimo Ferrero ai microfoni di “Te la do io Tokyo“:
Cassano ci darà una mano. E’ un talento, ci ha fatto sognare. Ma ho preso un allenatore che predilige i ragazzi e meno male. Ci sono giocatori di 30 anni che sono giovani e giocatori di 20 anni che sono vecchi. Con Cassano parleremo. Capisco che voglia giocare ma non so se avrà molto spazio. Gli ho proposto di fare il dirigente con me ma ha rifiutato. Pensa se ci fossimo presentato io e Cassano: avremmo fatto il Maracanã“.
Da quello che pareva un iniziale “no secco” alla permanenza del fantasista barese, pare essere cambiato qualcosa. Sicuramente Società, da una parte, e giocatore, dall’altra, nei prossimi giorni si confronteranno per arrivare ad una soluzione definitiva. Ma le strade di “Fantantonio” e della Sampdoria non per forza potrebbero, quindi, separarsi.

A margine della vicenda Cassano, Ferrero ha rilasciato un paio di battute anche sul calciomercato e sulla gestione dello stadio Luigi Ferraris. Su Castan e Paredes: “Castan è un grande giocatore, ha fatto le visite, tutto è andato bene. Paredes? Ho sentito voci ma non so nulla“. L’arrivo del difensore brasiliano rappresenta un rinforzo di qualità per la difesa. Rimane l’incognita dell’integrità fisica del giocatore, visto che negli ultimi due anni, per via di seri problemi di salute, ha giocato con il contagocce.
Invece, sulla gestione dello stadio di Marassi, assieme al Genoa: “Io e Preziosi abbiamo preso in concessione lo stadio Ferraris. E’ all’inglese ma io voglio che sia un 5 stelle. Stiamo cercando ed abbiamo degli investitori. Mi hanno preso in giro su questa cosa ma io non ho mollato mai. Ho preso la concessione per 99 anni. Poi per il fair play con Preziosi abbiamo fatto a metà“.

  •   
  •  
  •  
  •